Events

MILANO, TRA FUTURO E PARADOSSO

Giu 17, 2017 admin

BOERI E BOSCHETTI A CONFRONTO IN UN OPEN TALK PRESSO LO SHOWROOM LUALDI

Una prima edizione che va oltre le aspettative quella della Milano Arch Week che dal 12 al 18 giugno offre un calendario ricco di iniziative per conoscere da vicino designer e progettisti che hanno fatto la storia di Milano. Dibattiti, conferenze, talk e visite guidate hanno iniziato ad invadere la città valicando i confini di luoghi classici dedicati all’architettura come la Triennale e il Politecnico, approdando nelle strade con iniziative come la biciclettata alla scoperta degli hotel di design meneghini o i tour in Vespa, fino ad arrivare all’apertura degli showroom. Proprio lo showroom Lualdi ha ospitato giovedì 15 giugno l’open talk dal titolo “Milano Futura, da visione a realtà”, un ricco scambio sul tema delle trasformazioni urbane legate al PGT (Piano del Governo del Territorio, ndr).

“Credo che il tema al centro del PGT sia il tempo – ha dichiarato il fondatore di Metrogramma Andrea Boschetti, dialogando sulla progettazione di Milano – tra visione e concretizzazione non c’è una sincronia spesso pertinente ai cambiamenti della realtà. Io e Stefano Boeri condividiamo un amore per la città ed ogni azione è finalizzata ad una idea di miglioramento con la persona al centro”.

Il PGT è qualcosa che somiglia alla carta di identità della città” ha aggiunto Boeri, ideatore della Milano Arch Week, soffermandosi poi sul concetto del paradosso: “Milano ha il gusto del paradosso, senza il quale non ci sarebbe la comicità milanese, pensiamo anche a Enzo Jannacci o Renato Pozzetto. Il paradosso milanese si rispecchia anche nell’architettura della città che porta nel cielo edifici che una volta superati i tetti invece che chiudersi si allargano, costruisce delle facciate che mantengono il filo della strada, ma dietro non hanno nulla e che porta gli alberi nel cielo. E anche il progetto del Fiume Verde è in un certo senso un paradosso, una sfida visionaria con l’obiettivo che il 90% degli scali merci debba diventare verde”.