DHD 56

RECUPERO E RICONVERSIONE

È un bene non lasciare nell’abbandono edifici di grande bellezza che hanno sfidato i secoli: il loro destino, qualche volta travagliato, li ha visti cambiare proprietà e funzioni. Molti di questi palazzi, nati come dimore di famiglie nobili o ricche, nel tempo sono stati lasciati liberi di invecchiare, senza dare loro adeguate cure per mantenerli in vita.
Succede, per fortuna in qualche caso, che attraverso importanti restauri e cambiamenti d’uso, qualche pregevole palazzo diventi hotel e possa far conoscere a molte persone il pensiero architettonico e artistico della
propria epoca: cosa assai interessante soprattutto se si immagina quanto potrebbe essere fatto nelle città e borghi italiani, ricchi di monumenti storici da utilizzare, come fatto a Venezia e in altre città.
In questo numero di DHD, abbiamo pubblicato anche il riuscitissimo recupero di un vecchio penitenziario in Germania, recuperato e trasformato in un confortevole albergo, che pur mantenendo l’impianto architettonico
originale, non pare ‘deprimere’ gli ospiti ma li incuriosisce e informa sulle particolari soluzioni di spazi, percorsi interni e materiali usati.

Franco Mirenzi