Pierluigi Ghianda. La Bottega come Simposio: una mostra dedicata a Pierluigi Ghianda, il primo di una serie di focus a rotazione che Triennale Design Museum vuole dedicare ad alcuni personaggi che hanno interagito con il territorio allargato di Monza e Brianza. Per la prima volta sono esposti i più importanti progetti realizzati dall’artista nella sua bottega di Bovisio Masciago, al centro di quella Brianza che da sempre rappresenta una vera e propria ‘bottega diffusa’ su tutto il territorio. La mostra, a cura di Aldo Colonetti con progetto di allestimento di Lorenzo Damiani, espone centinaia di prodotti, oggetti, particolari realizzativi, invenzioni costruttive, perché di questo si tratta quando si parla della Bottega di Ghianda: un vero e proprio Simposio, di memoria platonica. Al suo interno protagonisti sono stati, accanto al grande “ebanista”, decine di collaboratori, ma soprattutto gli amici, ovvero i progettisti, che avevano un pensiero comune al suo: al centro la bellezza al servizio dell’uomo.

Pierluigi Ghianda. La Bottega come Simposio racconta una straordinaria esperienza di lavoro che continuerà nel tempo, perché le Botteghe sono ancora tante, in Brianza come in Italia, e avranno un futuro solo se saranno in grado di dialogare con il mondo, come ha sempre fatto il “Ghianda” sia quando andava in Brasile e in Amazzonia alla ricerca di legni rari e pregiati, sia in occasione dei viaggi che faceva in Giappone, con il suo grande amico e “sodale fratello” Gianfranco Frattini, dove ritrovava l’eccezionale maestria dell’artigiano, al pari dell’artista e dell’inventore.

Pierluigi Ghianda. La Bottega come Simposio
Villa Reale di Monza
9 ottobre – 27 novembre 2016