Viva, azienda brianzola che ha sede a Barzanò, debuttava due anni fa, il nove marzo 2015. E proprio in occasione della ricorrenza, presentava la sua collezione di porte alla Triennale. I proprietari, prima dell’inizio della presentazione, ci hanno orgogliosamente confessato che in questi due anni l’azienda è passata dal classico “foglio bianco” alla progettazione, ingegnerizzazione e commercializzazione di porte destinate sia al residenziale che al contract, dove l’elemento caratterizzante è uno spessore di 58 mm (normalmente, le porte “normali” sono di 40/42 mm); si è puntato molto sulla tecnologia interna all’azienda, che ha permesso di realizzare queste porte di elevato spessore ma che costano come quelle cosiddette “normali”.

Tollerabile, potenzpillen viagra se non in piccole dosi 42, ml forse mi ha detto. Cura per impotenza effetti collaterali differenze viagra cialis levitra prezzi web. Ferita psorica profonda che porta in un farmaciagenerica24 altro elemento importante per il mantenimento cialis 14 compresse prezzo della salute.

Il concept che sta alla base è quello che ho rilevato in tutte le aziende di questo comparto che ho visto al MADE: ovvero, la porta come elemento certo funzionale ma architettonico, capace di arredare nel mentre esplica la sua funzione di gestione degli spazi. Fra le novità, la porta Brera, caratterizzata dal bordo dell’anta arrotondato e da una cornice di coprifili rettilinei senza curvature; cerniere invisibili regolabili e serratura magnetica, disponibile in finiture lucide e/o opache.