In un recente articolo ho parlato del Louvre, qui invece si da conto di una iniziativa al Centre Pompidou dove, fino al 3 luglio, sarà possibile vedere  Mutations/Créations, un evento rivolto al futuro e all’interazione tra tecnologia digitale e creazione, un territorio condiviso tra arte, innovazione e scienza. Attingendo a diverse discipline in un mix di ricerca, arte e ingegneria, la prima edizione di questo evento annuale è dedicata a musica, design e architettura. All’interno di questo progetto si inserisce la mostra monografica  dedicata a Ross LovegroveArtemide è sponsor di questo progetto a supporto dell’importante ruolo del Centre Pompidou nella cultura contemporanea. Nella mostra sono esposte le opere più significative di Lovegrove ispirate alla natura e ai suoi processi evolutivi, pezzi che interpretano un dialogo tra natura e tecnologia, dove arte e scienza convergono. La collaborazione tra Ross Lovegrove e Artemide, iniziata nel 2007, ha segnato un lungo percorso di ricerca materica e produttiva stimolata da questo approccio al design organico e biomorfico: 10 anni di progetti fino all’ultimo Solar Tree 2nd Generation presentato in occasione di Euroluce di quest’anno.