Inverno e neve: un binomio indissolubile. La neve è bella, soffice, rende tutto ovattato, ed è molto apprezzata, sia per l’effetto “magia” che sprigiona, sia dagli amanti degli sport invernali e del benessere ad alta quota.

technoalpin-stanza-neve-sauna.jpg
Stanza della neve Technoalpin, per la reazione dopo la sauna.

Anche al chiuso, la neve può contribuire al nostro benessere, per esempio in una stanza di raffreddamento dopo la sauna finlandese. In una stanza con le pareti e il pavimento completamente ricoperti di neve, il freddo secco aiuta a percepire una temperatura più piacevole rispetto a quella reale, permettendo così al corpo di passare dal caldo della sauna al freddo della neve, con uno sbalzo termico più morbido.

stanza-neve-technoalpin-sauna.jpg
Stanza della neve Technoalpin, per la reazione dopo la sauna.

Technoalpin, leader negli impianti per la neve artificiale, ha messo a punto una tecnologia per “stanze della neve”, che permette di accumulare vera neve al chiuso, in un ambiente che può raggiungere una temperatura anche di -10° gradi centigradi. La neve che si ottiene è vera neve, soffice e senza additivi. La stanza della neve è perfetta come raffreddamento dopo sauna nelle SPA, o per le lobby di hotel, per creare bar e lounge sotto zero, per offrire ai clienti esperienze emozionali diverse dal solito.

stanza-neve-technoalpin-hotel-quelle.jpg
Stanza della neve Technoalpin, spa dell’Hotel Quelle a Santa Maddalena, Bolzano

Grazie a una ricerca durata anni, Technoalpin è in grado di ricreare il clima invernale come quello reale, che diventa un supporto ideale per i negozi che vendono abbigliamento tecnico per sport invernali, dove i clienti hanno la possibilità di provare i capi nelle reali condizioni d’uso.

technoalpin-stanza-neve-woolrich.jpg
Stanza della neve nel negozio Woolrich di Milano, con tecnologia Technoalpin.

La stanza della neve Technoalpin può essere progettata su misura per qualsiasi esigenza. Con un litro d’acqua si ottengono 5 litri di neve, e il consumo di energia è pari a quello di una sauna finlandese. Mediante uno scambiatore, è anche possibile recuperare il calore per trasformarlo in acqua calda, da far confluire in un circuito secondario o una piscina.

Info: Technoalpin.com