Progettisti, committenti e imprese possono segnalare, entro l’8 febbraio 2019, opere realizzate che caratterizzino la regione e concorrere al Premio Architettura Toscana

Premio Architettura Toscana 2018 per Allestimento e interni: Museo delle Statue Stele Lunigianesi

Qual è il panorama dell’architettura in Toscana? Per rispondere si avvia la seconda edizione del Premio Architettura Toscana (PAT) che riguarda opere realizzate nella regione nei cinque anni precedenti. Il bando è reperibile online sul sito www.premio-architettura-toscana.it. Le iscrizioni si chiuderanno venerdì 8 febbraio 2019, mentre si possono avere informazioni entro il 21 dicembre 2018, scrivendo a segreteria@premio-architettura-toscana.it

Opera prima vincitrice al primo PAT: ‘piazza dell’immaginario’

Il PAT promuove e monitora la trasformazione del territorio toscano, evidenziandone forza e criticità. Possono essere candidate al premio opere realizzate da singoli architetti o in gruppo, da dipendenti pubblici o privati. A presentare la candidatura possono essere sia il progettista che la committenza, ma anche l’impresa esecutrice dei lavori. I partecipanti possono candidare una sola opera per ciascuna categoria, ma una singola opera può essere candidata in più categorie.

Il premio si articola in cinque categorie:

  • opera prima
  • opera di nuova costruzione
  • opera di restauro o recupero
  • opera di allestimenti o interni
  • opera su spazi pubblici, paesaggio o rigenerazione.
Opera vincitrice nel 2018 nella categoria ‘restauro o recupero’: Museo degli Innocenti

Organizzato da Consiglio regionale della Toscana, Ordine degli Architetti PPC di Firenze and Fondazione Architetti Firenze, Federazione degli Architetti della Toscana, Ordine degli Architetti PPC di Pisa, e Ance Toscana, con il patrocinio del Consiglio Nazionale degli Architetti, il PAT ha l’obiettivo di stimolare la riflessione intorno all’architettura contemporanea protagonista delle trasformazioni del territorio per diffondere la cultura del progetto come garanzia di qualità ambientale e civile.

Opera premiata nel 2018 per ‘spazi pubblici, paesaggio o rigenerazione’: Piazza de tre Re

La giuria sarà composta dall’architetto Massimo Alvisi, dal professore e sociologo Giandomenico Amendola, dall’architetto Fabrizio Barozzi, dal professore e architetto Luca Molinari e dal professore e architetto Francesca Torzi. La pubblicazione dei risultati avverrà il 29 maggio 2019, mentre il 30 maggio, si terrà la cerimonia di premiazione alla Palazzina Reale di piazza Stazione, sede di Ordine e Fondazione Architetti Firenze, dove sarà allestita anche la mostra dei progetti vincitori. L’edizione di esordio ha visto la partecipazione di oltre 140 progetti con cinque opere vincitrici in altrettante categorie e altri 15 progetti menzionati o selezionati per la mostra itinerante. [Text Paola Molteni]