Craig Green, giovane stilista di The Rebel Uniforms, è un talento della moda contemporanea: spettacolarizza e emoziona senza trascurare funzionalità e mercato

Craig Green ha fondato l’omonimo marchio a Londra, nel 2012, giovanissimo appena uscito dalla Saint Martin School. Considerato fra i talenti più innovativi, riceve premi e consensi sia al livello critico che commerciale, da parte di prestigiose boutique e grandi magazzini in tutto il mondo, grazie anche alle sue rappresentazioni spettacolari ed altamente emotive.

Il fulcro del suo lavoro ruota intorno alla divisa, uniforme elaborata come opera d’arte, perfetta protagonista anche di mostre e opere artistiche, fra le quali ‘Lacrima di Ossidiana’ di Wayne Mcgregor a teatro e ‘Alien: Covenant’ di Ridley Scott al cinema.

La sua capacità di innovare in modo radicale i codici del menswear, senza perdere mai di vista le dinamiche del mercato contemporaneo, mixa influenze del workwear e idee futuristiche, silhouette scultoree e praticità funzionali.

Il suo stile forte e riconoscibile lo pone fra i nomi più interessanti del panorama contemporaneo della moda, chiamato a innovare e collaborare anche con gruppi importanti come Moncler e altri ancora. Nelle collezioni di Craig Green, emergono molti dei fattori di successo per chi fa moda oggi, quindi la capacità di innovare i codici dello stile tradizionale, la sensibilità per il gusto in evoluzione, le esigenze del mercatola funzionalità e portabilità delle creazioni stesse, la loro spettacolarità e personalizzazione e una visione ben caratterizzante compongono la sua moderna proposta. [Text Barbara Tassara]

 

Dalla rivista Xtra, gennaio 2019