Sedici luoghi dove hanno sede case museo, atelier di artisti e studi creativi, saranno collegati da un grande giardino immaginario che occuperà la città di Milano. Il Giardino di Storie Milanesi dall’1 al 3 marzo

Betulla-Fondazione Studio Museo Vico Magistretti

Il Giardino di Storie Milanesi è un progetto speciale, a cura di Rosanna Pavoni, con cui la Fondazione Adolfo Pini  rinnova la propria partecipazione a Museocity (iniziativa promossa dal Comune di Milano e dall’Associazione MuseoCity, che mette in luce la grande realtà del patrimonio museale della città).

 

Spiga di grano- Casa del Manzoni

Protagonista è la natura e il suo rapporto con l’uomo. I personaggi di Storie Milanesi sono stati idealmente invitati a scegliere un fiore o una pianta che possa rappresentarli. Margherite, papaveri tante altre piante, fioriscono in questo ‘giardino immaginario’ disegnato dall’artista Julia Binfield che crea un nuovo fil rouge fra i luoghi e i volti del progetto della Fondazione Adolfo Pini.

Rosa – Museo Poldi Pezzoli

Prende vita così una Milano fiorita in cui le piante sono intimamente legate ai personaggi. “…Percorrendo questo giardino si attraversa una Milano inedita, si incontrano lampade, poltrone, sculture, dipinti, oreficerie, porcellane, conoscenze: ciò che lega questi patrimoni è l’omaggio ai fiori e alla natura.

La Fondazione Adolfo Pini organizza per l’occasione una serie di visite guidate alla collezione in programma venerdì 1 marzo e durante l’apertura straordinaria di sabato 2 marzo dalle ore 11.00 alle 16.00 (si consiglia di verificare i giorni e gli orari di apertura sul sito di ogni luogo che partecipa all’iniziativa). [Text Paola Molteni]