Dalla Tailandia, la cultura del design che riutilizza gli scarti agricoli: recupero e riuso per oggetti artigianali di altissima qualità

Slow Hand Design

A cura di Eggarat Wongcharit

DITP presenta gli oggetti premiati da DEmark, il riconoscimento per gli oggetti che sanno meglio interpretare in chiave contemporanea la tradizione artigianale tailandese. Una nuova generazione di oggetti, che coniugano la manualità con le nuove tecnologie, per una produzione ad alto valore aggiunto, che si può applicare anche a volumi industriali, per mescolare artigianato e industria. Il valore aggiunto del design è dunque nell’applicare le tecnologie del futuro alle lavorazioni tradizionali, per una produzione sempre più sostenibile.

T-STYLE – Thai design

T-Style celebra l’artigianato tailandese, la fatica, il tempo, l’abilità che insieme danno vita a prodotti unici. Gli artigiani tailandesi creano con passione, e questa passione è al centro della mostra “Fine Craft”, una rassegna dedicata agli oggetti di artigianato tailandese, realizzati con materiali riciclati dagli scarti dell’agricoltura, e dagli scarti di altre lavorazioni. Riciclo e riuso sono abitudini ormai acquisite in Tailandia, e i prodotti “Thai style” sono di ottima fattura e qualità.

Thai style: design sostenibile

Sostenibilità, riciclo e riuso sono al centro della produzione tailandese contemporanea, che mescola tradizione artigianale e nuove tecnologie, per impiegare al meglio i nuovi materiali che si ottengono dagli scarti dell’agricoltura. Tecniche e materiali vengono applicati ad arredi, complementi, accessori moda, abbigliamento.

A Ventura Future, presso Base-Ex-Ansaldo, dal 9 al 14 aprile, Slow Hand Design e T-Style espongono vari prodotti realizzati con questi nuovi materiali. Le mostre sono organizzate da Thailand Office of Innovation and Value Creation, Thai Trade Center, Milano, e da Department of International Trade Promotion (DITP) e Ministry of commerce della Tailandia. (Roberta Mutti)