Il progetto è realizzato da Cantina Urbana, la prima realtà di questo tipo in Italia

È appena nato il primo vino “made in Naviglio”: si chiama proprio Naviglio Rosso, è prodotto in 2.500 bottiglie, ed è ottenuto dal vitigno autoctono “croatina”, con l’aggiunta di un pizzico di Barbera.

La vinificazione è avvenuta in acciaio, dopodiché la massa è stata suddivisa in tre parti: acciaio, anfora e barrique di rovere francesi. Tutto questo porta il marchio di “Cantina Urbana”, la prima cantina cittadina che si trova in via Ascanio Sforza 87, nel cuore del Naviglio milanese, un quartiere sempre in movimento.

Cantina Urbana è un luogo dove si fa il vino in città, accessibile a tutti, e la vendita diretta permette uno scambio reciproco tra chi produce e i clienti. L’idea è quella di ricercare e portare in città uve di qualità del territorio italiano – basate sull’agricoltura sostenibile – rendendo protagoniste piccole realtà. [Cristina Provenzano]