Gli studi CRA-Carlo Ratti Associati, Italo Rota Building Office, F&M Ingegneria, e Matteo Gatto & Associati, vincono la gara per il Padiglione Italia di Expo Dubai 2020

padiglione-italia-expo-2010L’ispirazione viene da un’antica tradizione marittima: tre barche arriveranno a Dubai via mare e verranno poi sollevate e capovolte per trasformarsi nella copertura del padiglione, che sarà visitabile dal 20 Ottobre 2020 al 10 Aprile 2021 a Dubai, (Emirati Arabi).

Il Padiglione Italia indaga i modi in cui ‘la bellezza unisce le persone’ – questo è il tema della partecipazione italiana alla prossima Esposizione Universale. Un omaggio agli esploratori che nei secoli hanno solcato i mari, e hanno costruito un patrimonio culturale comune tra i popoli del Mediterraneo. La struttura di Expo 2020 Dubai occuperà un’area di circa 3.500 mq e si svilupperà per oltre 25 m in altezza. Visti dall’alto, gli scafi ricorderanno tre petali nei colori della bandiera italiana.

Padiglione Italia EXPO 2020 Dubai

Paolo Glisenti, Commissario Generale per l’Italia a Expo 2020 Dubai, ha commentato: “Il progetto di Ratti, Rota, Gatto e F&M ci permette di realizzare uno spazio non solo espositivo ma rappresentativo del migliore ingegno italiano, offrendo una memorabile esperienza ai visitatori”. “Il percorso espositivo sarà scandito come un’ascesa, fino a un punto in cui diventa possibile, con l’immaginazione, osservare l’Italia dal cielo”, dice l’architetto Italo Rota, fondatore di Italo Rota Building Office. E aggiunge: “Ci saranno un ‘Prologo’, con ampi spazi ispirati alle forme delle piazze italiane, e un Gran Finale, che sarà quasi come una cattedrale della natura, della luce, della musica, dell’Universo, come il cielo sul Mediterraneo e sul deserto”. Con questo progetto continua il lavoro di CRA nella sperimentazione di strutture espositive per le Esposizioni Universali.

[Text Annamaria Maffina]