Tecnologia e passione per il nuovo showroom aziendale Stosa 

La cucina Aliant gioca con i riflessi del vetro ed è dotata di una gamma infinita di accessori. Qui il sistema Evolution System è ben visibile per la capienza di cassetti, basi e colonne

Cinquant’anni di storia trascorsi inseguendo con costanza e passione lo stesso sogno. È Stosa Cucine, una realtà imprenditoriale ambiziosa controllata dalla famiglia Sani, il cui impegno si manifesta attraverso la realizzazione di ambienti cucina che fanno parte della quotidianità di intere famiglie.

Infinity, corredata dal Look System Restyle, è la cucine più versatile: le caratteristiche tradizionali del legno si confondono con materiali quali il Fenix e l’eco-sostenibile PET. L’anta è l’elemento distintivo del modello

La sede produttiva toscana si sviluppa su una superficie di 80 mila mq dove la tecnologia, sostenuta da una cultura di ‘cucinieri’ ben conosciuta nel territorio, riesce a dare spazio a un design elegante e allo stesso tempo funzionale.

Un’immagine del complesso produttivo toscano di Stosa Cucine.

Ecco allora i modelli icona di Stosa caratterizzati da una grande versatilità e da una ricerca formale e materica, 100% made in Italy. Sulla scia di questi ‘must’, Stosa Cucine inaugura lo showroom aziendale: una superficie di 950 metri quadrati che ospita 18 modelli di cucina in abbinamento a diverse zone living. È possibile ammirare la capienza delle basi, dei cassetti, delle colonne grazie a Evolution System; l’ampliamento delle cromie delle scocche, della profondità di basi, colonne e pensili del sistema Look System Restyle.

Anche in questo modello spicca lo stile di Evolution System. Le caratteristiche del modello Color Trend di Stosa sono evidenziate dai colori, monocromi o abbinati.

Tosca e Newport, invece, rappresentano la tradizione compositiva del brand. Tra le novità da ricordare, ecco Stosa Academy, fitto calendario di incontri dedicati alla gamma, al prodotto e all’home technology. [Text Anguilla Segura]

Scopri anche la cucina su misura Dijon, di Diego Revollo