Torna il London Design Festival, dal 14 al 22 settembre 2019. Ecco gli highlights selezionati da Designdiffusion.com e DDNblog.it

fountain-michael-anastassiades-londra-2018.jpg
A Fountain for London, di Michael Anastassiades, LDF 2018

Eventi e highlight del London Design Festival

In genere, si tende a considerare la Milano Design Week e il Salone del Mobile come il centro del mondo; ed è senz’altro vero che siano gli eventi di design più importanti e visitati al mondo. Tuttavia, ci sono tante altre manifestazioni legate al mondo del design, e alcune di queste hanno dimensioni ragguardevoli.

tea-for-time-scholten-baijings-ldf-2018.jpg
Tea for Time, Landmark Project di Scholten & Baijings, LDF 2018

Il London Design Festival è uno di questi eventi. Giunto alla 17esima edizione, nel 2018 ha registrato oltre 580 mila visitatori. Il London Design Festival, abbreviato in LDF, è un collettore di moltissimi eventi, sparsi nelle varie zone di Londra, e di altre esposizioni. In breve, è come se ci fossero 4 diverse piccole “Fiere” e una decina di “Design District”, oltre ai progetti di architettura “Landmark Projects”, disseminati nella città di Londra, e le mostre e installazioni del V&A Museum. Il London Design Festival 2019 si tiene dal 14 al 22 settembre.

es-devlin-ldf-2018.jpg
Please Feed The Lions, di Es Devlin, Landmark Project, LDF 2018

LDF 2019: Landmark Projects

Cominciamo dunque dall’inizio, e vediamo come LDF interagisce con il territorio. Dal 2007, sono stati introdotti i Landmark Projects, che vedono ogni anno coinvolti architetti, designer, artisti, di fama internazionale, o talenti emergenti, in installazioni sparse per Londra, ispirate da particolari materiali, o temi, o anche dal luogo in cui sorgono, come il Victoria& Albert Museum, Southbank Centre, St. Paul’s Cathedral, Tate Modern e Trafalgar Square. Per il 2019, il programma dei Landmark Projects prevede installazioni di Sam Jacob, all’entrata principale del V&A Museum, e Paul Cocksedge a Finsbury Avenue Square.

london-design-festival-2019-non-pavilion.jpg
Non-Pavilion, V&A Museum, LDF 2019

Sea Things, di Sam Jacob

L’installazione di Sam Jacob, Sea Things, è collocata all’ingresso  del V&A Museum su Cromwell Road. Un grande cubo di specchio sospeso, riflette infinite particelle per ricordare ai visitatori il problema della plastica negli Oceani, e l’uso smodato che si fa delle plastiche monouso.

sam-jacob-sea-things-ldf-2019.jpg
Sam Jacob, Sea Things, LDF 2019

Please Be Seated, di Paul Cocksedge

Un gigantesco nastro continuo di legno, funziona come elemento di arredo urbano, per invitare il pubblico a interagire, sedersi, camminare intorno, passare sotto. Finsbury Avenue Square viene così completamente ridisegnata, anche se temporaneamente.

london-design-festival-2019-please-be-seated.jpg
Please be Seated, di Paul Cocksedge, Finsbury Square, LDF 2019

LDF 2019: V&A Projects (Victoria & Albert Museum Projects)

Dal 2009, il V&A Museum è l’hub delle attività del London Design Festival, con numerose mostre ed eventi dedicati, che hanno attirato un pubblico sempre più numeroso, nel corso degli anni, fino ad arrivare agli oltre 161 mila dell’edizione 2018.

multiply-waugh-thistleon-architects.jpg
MultiPly, di Waugh Thistleton Architects, Landmark Project, LDF 2019

Le manifestazioni più importanti del 2019 saranno l’installazione Bamboo Ring, di Kengo Kuma, Non-Pavilion, di Studio MICAT, There Project e Proud Studio, e la già citata Sea Things, di Sam Jacob.

Bamboo Ring, di Kengo Kuma

Bamboo Ring: Weaving into Lightness, è un’installazione nel John Madejski Garden (entrata Cromwell Road), progettata dall’architetto Kengo Kuma, autore, tra gli altri, del recente V&A Dundee e dello Stadio Olimpico di Tokyo 2020. La struttura, la cui realizzazione è a cura di Clare Farrow, consiste in un “bozzolo” in bambù e fibra di carbonio. La flessibilità del legno di bambù e la resistenza del carbonio creano fili che si intrecciano dando corpo a una struttura leggera, rigida ed elastica al tempo stesso. Sponsor dell’opera è Oppo, produttore di telefoni cinese.

london-design-festival-2019-bamboo-ring-kengo-kuma.jpg
Bamboo Ring, di Kengo Kuma, V&A Museum, LDF 2019

Non-Pavilion, di Studio MICAT, There Studio e Proud Studio

Non-Pavilion, nella Sackler Courtyard, è un’installazione interattiva che affronta il problema della crescita infinita della popolazione terrestre, che prima o poi dovrà affrontare il problema delle risorse limitate. Come può il design aiutare a trovare nuove soluzioni per uno sviluppo sostenibile? [Roberta Mutti]

london-design-festival-2019-non-pavilion.jpg
Non-Pavilion, V&A Museum, LDF 2019

Il post è in continuo aggiornamento, fino al 14 settembre

Eventi e highlight del London Design Festival