Il London Design Festival comprende diversi Design District, che corrispondono ad altrettante zone di Londra. Per il 2019, i Design District sono 11

Terza puntata del London Design Festival, settembre 2019. Gli eventi del London Design Festival sono raggruppati in Design District, sparsi per le varie zone di Londra. Qualche suggerimento: Londra è molto grande, ci si sposta bene con i trasporti pubblici, ma le distanze sono grandi e spostarsi da un luogo all’altro può richiedere diverso tempo; molti eventi sono su invito, ma molti sono a ingresso libero. Quasi tutti i distretti hanno una serata dedicata, bisogna solo prestare attenzione agli orari, perché spesso gli eventi finiscono alle 20:00.
Ultimo, ma non da ultimo, il London Design Festival stampa una guida, che può essere molto utile. Si trova liberamente in tutti gli eventi, e contiene tutte le informazioni utili: luoghi, orari, date, contenuti degli eventi, etc…

Eventi e highlight del London Design Festival

detail-london.jpg
Detail London, Olympia Theatre

Bankside Design District

Grazie al suo background creativo, Bankside è una meta interessante durante il London Design Festival. La OXO Tower Wharf ospita 25 negozi e studi di design, e la Tate Modern ospita una serie di workshop interattivi. La musica occupa uno spazio importante, grazie a Musicity x Low Line, una composizione di diversi artisti del suono che mette in relazione la musica con gli edifici e la Low Line.
La serata ufficiale è mercoledì 18 settembre.

oxo-tower-wharf-bankside.jpg
Oxo Tower Wharf, Bankside

Brompton Design District

Il Brompton Design District, a South Kensington, è il primo Design District ufficiale del London Design Festival, e probabilmente è quello con cui gli italiani hanno più familiarità, principalmente perché qui hanno sede quasi tutti gli showroom delle aziende italiane – B&B Italia, Boffi, Cassina, De Padova, Kartell, Meridiani, Poltrona Frau, Society Limonta – e poi qui si trovano anche The Conran Shop, il negozio-galleria Mint, e altri ancora.
Oltre a questi showroom, a Brompton si trova il V&A Museum, e diverse gallerie allestiscono progetti per LDF, come la Seeds Gallery, con un allestimento curato da M-L-XL, Masters of Disguise, che coinvolge Martino Gamper, Sabine Marcelis e Nathalie du Pasquier. South Kensington Estates svela per l’occasione London Fountain Co., la fontana progettata da Michael Anastassiades nel 2018, ora su Thurloe Street.
La serata ufficiale è giovedì 19 settembre.

kartell-brompton-design-district.jpg
Kartell, Brompton Design District

Chelsea

Da sempre l’area dei creativi per eccellenza, Chelsea ospita una serie di eventi dedicati. Una mostra di sicuro interesse per per il lOndon Design festival di settembre 2019, è I-Made, alla Saatchi Gallery, una collettiva di design made in Italy a cura di Giulio Cappellini (clicca qui per saperne di più)
Tra i vari eventi, possiamo citare anche Lema, che nello showroom di King’s Road organizza una performance con l’artista Clym Evernden, e un talk con il designer David Lopez Quincoces (giovedì 19 settembre dopo le 18:30).
La serata ufficiale è giovedì 19 settembre.

lema-showroom-chelsea.jpg
Lema showroom, Chelsea Design District

Clerkenwell Design Quarter

Clerkenwell è diventata un hub talmente importante per il design, da avere la Clerkenwell Design Week, ormai da 10 anni (clicca qui per saperne di più). Tra gli eventi di punta di LDF, una conferenza di Werner Aisslinger presso lo showroom Cappellini (solo su invito); una mostra-evento di Cosentino, e i 30 anni di Viaduct, con una mostra che coinvolge E15, Maruni, Mattiazzi, Nikari e altri.

cappellini-clerkenwell-design-quarter.jpg
Cappellini, Clerkenwell Design Quarter

King’s Cross

Al London Design Festival di settembre 2019, debutta tra i Design District l’area di King’s Cross, con una serie di eventi di grande rilievo. Presso Coal Drops Yard, le due installazioni di Martino Gamper, Disco Carbonara e Idiosincratico. Tom Dixon esplora i cinque sensi con la mostra TouchySmellyFeelyNoisyTasty, nel suo hub londinese, the Coal Office. Infine, torna a King’s Cross anche Designjunction, confermando così la nuova destinazione di design.
La serata ufficiale è giovedì 19 settembre.

coal-office-kings-cross.jpg
Coal Drop Yard, King’s Cross

Marylebone

L’hub ufficiale del Marylebone Design District 2019 è The Conran Shop. La galleria Hauser & Wirth organizza una mostra speciale per LDF 2019, con pezzi speciali editati da Conran, tra cui la Sedia Latis, di Samuel Wilkinson, rivestita in tessuto Kvadrat/Raf Simons; Jo Malone presenta una mostra a cura dell’artista/fotografo Martyn Thompson.
La serata ufficiale è mercoledì 18 settembre.

yabu-pushelberg-henge-marylebone.jpg
Yabu Pushelberg per Henge, showroom Henge, Marylebone

Mayfair

Mayfair, l’area a più alta densità di gallerie di design, apre i battenti la sera di lunedì 16. Le mostre della Galleria Fumi con Max Lamb, David Gill con Sebastian Brajkovic, Achille Salvagni Atelier con i vetri di Murano, saranno affiancati dalla Walala Lounge di Camille Walala, un progetto speciale del London Design Festival, che trasforma South Molton Street in un salotto a cielo aperto.
La serata ufficiale è lunedì 16 settembre.

david-gill-gallery-mayfair.jpg
David Gill Gallery

Pimlico Road

Sede di tutti i migliori showroom di interior design e negozi di antiquariato, Pimlico Road ha visto di recente l’arrivo di diversi showroom di design contemporaneo, della stessa fascia alta e altissima che ha sempre caratterizzato l’area. Durante il London Design Festival diversi showroom offrono piccole conferenze, come The ODD Chair Company, che spiega come scegliere le sedie, o Cox London, che spiega cosa distingue l’arte dal design. Non manca anche uno showcooking nello showroom di Poggenpohl.
La serata ufficiale è lunedì 16 settembre.

carl-hansen-pimlico-road-design-district.jpg
Showroom Carl Hansen, Pimlico Road

Shoreditch Design Triangle

Istituito nel 2008 come Design District, corollario della “gentrification” dell’area, Shoreditch ospita principalmente designer e brand contemporanei, di cui molti britannici. A Shoreditch si trova uno dei Landmark Projects 2019, “Please be seated”, di Paul Cocksedge, presso Finsbury Avenue Square. Eventi di punta di Shoreditch sono anche la nuova collezione di SCP, presso lo showroom di Curtain Road, e lo showroom di Lee Broom, con Kaleidoscopia, un’installazione con le sue luci. A Shoreditch, presso l’Istituto Marangoni, si tiene anche la mostra “Guiltless Plastic“, a cura di Rossana Orlandi con l’Istituto Marangoni, un progetto per il riutilizzo intelligente della plastica, con un concorso che debutta nel Regno Unito per la prima volta.
La serata ufficiale è mercoledì 18 settembre.

rossana-orlandi-guiltless-plastic-shoreditch
Rossana Orlandi, Guiltless Plastic, presso Istituto Marangoni, Shoreditch Design Triangle

Victoria Connections Design District

Alla seconda edizione come destinazione di design, l’area di Victoria e Westminster è una ricerca sulla capacità del design di connettere persone e luoghi, come testimonia il tema conduttore “Connections: People and Places”. Punto focale di LDF 2019 è il Life Labyrinth, di fronte alla Cattedrale di Westminster, un progetto di Patternity. L’Apollo Victoria Theatre approfitta dell’occasione per allestire una mostra sui costumi di Susan Hilferty per Il Mago di Oz.
La serata ufficiale è giovedì 19 settembre.

apollo-victoria-theatre-design-connections.jpg
Apollo Victoria Theatre, Victoria Connections Design

West Kensington Design District

Alla sua seconda edizione, West Kensington Design District è una delle mete più frequentate, per la presenza di 100% Design, all’Olympia Theatre, che quest’anno festeggia il 25esimo compleanno (clicca qui per saperne di più). Accanto a 100% Design, con ingresso indipendente da Olympia Way, debutta Detail London, dedicato al segmento luxury.
Meta di rigore di West Kensington è anche il Design Museum, che per l’occasione allestisce il Beazley Design of the Year. [Roberta Mutti]

priestman-goode-design-museum.jpg
Priestman & Goode, Design Museum

Eventi e highlight del London Design Festival