DDN sceglie il termoarredo di ANTRAX IT come immagine copertina del suo ultimo numero, per sottolineare l’anima creativa dell’azienda e l’eleganza dei suoi radiatori, protagonisti dell’arredo

termoarredo-antraxIT
T Tower, il termoarredo di Antrax IT

Antrax IT è un’azienda trevigiana specializzata in termoarredi di grande effetto scenografico, e dalle elevate prestazioni. Grazie alle linee pulite e semplici e alle forme eleganti e sempre nuove, i radiatori Antrax It sono elementi di arredamento che sembrano sculture, dove design e arte si fondono, per risultati sempre nuovi e originali.

Sulla nuova copertina di DDN, il termoarredo T Tower

Il termoarredo T Tower, di Matteo Thun e Antonio Rodriguez, è un radiatore free standing che nella versione elettrica non necessita di alcuna installazione, se non l’inserimento della spina elettrica alla presa di corrente. La sua forma, semplice e rigorosa, nasce dall’accostamento di due profilati di alluminio a forma di T, permettendo la sua collocazione in qualsiasi tipo di spazio.

Le 200 varianti cromatiche disponibili, permettono di personalizzare il proprio termoarredo, per integrarlo perfettamente in ogni stile di interior design. Giocando sulla personalizzazione il radiatore diventa così un elemento d’arredo che mantiene le sue peculiarità anche nei mesi in cui non assolve la sua primaria funzione riscaldante. Seguendo questa logica Antrax IT ha posto particolare attenzione anche sull’ideazione dell’accessorio avvolgicavo, che permette di nascondere il cavo elettrico rendendo il prodotto ancora più eclettico e versatile.

Progetto Graff IT

Un graffito con l’hashtag #arancione dentro per realizzare la copertina di DDN250.

Un colore acceso, caldo e brillante che richiama la natura pop e frizzantina dell’azienda. Anche il logo aziendale non a caso è in una tonalità più chiara di arancione.

Un graffito con l’hashtag #arancione dentro che rimanda ai prodotti di Antrax IT, eleganti, versatili, utilizzabili ovunque e da chiunque, come nel caso della street artist del video.

[Text Carlotta Russo]