Torna a St. Moritz Nomad Circle, la vetrina itinerante per il design da collezione e l’arte contemporanea

nomad-st-moritz.jpg
Nomad St. Moritz 2019

Dopo il successo di Nomad Venezia, torna Nomad St. Moritz, dal 6 al 9 febbraio 2020. L’esposizione offre oggetti selezionati di design da collezione e opere di arte contemporanea, a Chesa Planta, una residenza alpina in Engadina.

nomad-st-moritz-2020.jpg
Googie lamp di Draga & Aurel, foto di Riccardo Gasperoni

I lavori e le opere esposti spaziano dai tappeti alle lavorazioni sperimentali di alcuni materiali. Tra i tappeti annodati a mano, alcuni pezzi speciali della collezione Orientations, dello studio libanese di design David/Nicolas. Inoltre, Le Salon, a cura di The Invisible Collection, presenta pezzi di Pierre Yovanovitch, Ron Arad, e Charles Zana, e lavori della designer araba Shahad Alazzaz.

nomad-st-moritz.jpg
Poltrona Asymetrie, di Pierre Yovanovitch per The Invisible Collection

Arts & Crafts a Nomad St. Moritz 2020

Un’ampia sezione dell’esposizione è dedicata agli oggetti di arte e alto artigianato. Tra questi, vasi e sculture in vetro e vetro soffiato, varie ceramiche, e lavori in altri materiali, come il bambù della cesteria giapponese del primo Novecento.

I Maestri del design italiano

Oltre al design e all’arte contemporanea, Nomad St. Moritz presenta una selezione di pezzi di design dei Maestri del XX secolo. La Galleria Luisa Delle Piane espone la collezione La tavola degli Elementi, di Piero Lissoni per Alpi, una collezione di 5 elementi di piccole architetture.

Ancora dalla Galleria Luisa Delle Piane di Milano, le lampade HQB, un progetto dello studio Space Caviar, ispirate dall’esposizione dei piccoli LED al mercato dell’elettronica di Shenzhen.

Leggi anche Nomad Venezia 2019

Scopri anche il Museum Susch, in Engadina

Altri lavori di design contemporaneo, sono quelli del brand inglese Established & Sons, con la collezione LIMITED. A 12 anni dalla prima presentazione, Established & Sons LIMITED presenta il tavolo Surface, super sottile e leggero, grazie alla fibra di carbonio. Il tavolo Surface, progettato da Terence Woodgate e John Barnard, torna in un’edizione limitata di 25 esemplari, con la nuova versione consolle.

Oltre al tavolo, Established & Sons LIMITED presenta pezzi di Barber & Osgerby, e “cassettiere della memoria” di Roy McMakin, edizioni limitate di mobili in legno fatti a mano, ispirati dalle tradizioni artigianali. Ultimo, ma non da ultimo, un’installazione di Formafantasma.

Per riassumere: Nomad St. Moritz 2020 si tiene dal 6 al 9 febbraio a Chesa Planta, St. Moritz, in Engadina, e ospita circa 30 tra gallerie e progetti speciali. Nata nel 2016 da un’idea di Giorgio Pace e Nicolas Bellavance-Lecompte, Nomad Circle è una vetrina di pezzi unici di design, per collezionisti, raccolti in una rassegna itinerante, sempre in location esclusive. Le edizioni precedenti si sono tenute a Montecarlo, a Villa La Vigie, e a Venezia, a Palazzo Soranzo Van Axel, oltre che a St. Moritz.

Leggi anche Nomad Venezia 2019
Scopri anche il Museum Susch, in Engadina