Stefan Nilsson, blogger e ricercatore di trend nell’interior design, ha visitato le fiere specializzate di gennaio. In questo articolo, ci parla di sostenibilità.

“Gennaio è l’inizio dell’anno, soprattutto quando si tratta di fiere e lanci. Come trend analyst e trend hunter internazionale, cerco di partecipare al maggior numero possibile di eventi, per essere sempre aggiornato. Il primo mese del 2020, mi ha portato ad andare a otto fiere in totale, in cui ho avuto modo di vedere molte novità interessanti. Ma ciò che sembra veramente dominare, è la sostenibilità. Quasi tutte le fiere hanno avuto la sostenibilità come tema principale, ed è dunque interessante vedere come i diversi eventi hanno sviluppato il tema della sostenibilità e del rispetto dell’ambiente, nel tessile, nell’arredamento, nei pavimenti e nell’interior design in generale.

sostenibilità-design.jpg
Heimtextil 2020

Heimtextil, l’innovazione nei tessuti

La prima fiera in assoluto della stagione, di solito è Heimtextil, una rassegna dedicata a tessile e carta da parati, che si tiene a Francoforte. Con oltre 3.000 espositori e 67.000 visitatori, si tratta di una fiera importante – e probabilmente la migliore esposizione per le tendenze, in Europa. A Heimtextil, i materiali nuovi e innovativi per l’industria tessile occupavano un grande spazio.

sostenibilità-design.jpg
Heimtextil 2020

Tutta la fiera è stata di grande stimolo per il tema della sostenibilità, e molti espositori hanno presentato prodotti di nuova concezione, progettati nel rispetto dell’ambiente. A mio parere, l’industria tessile è la più avanzata, tra tutti campi che coinvolgono il design. Le aziende stanno provando nuovi materiali, come il Tencel, che si ottiene riciclando scarti di lavorazione, e il risultato è molto interessante. Un altro aspetto da considerare è quello delle certificazioni. I brand stanno cercando di apparire virtuosi, quindi cercano modi per comunicare in modo più semplice. Le certificazioni e i marchi di qualità rappresentano un buon modo, quindi sospetto che quest’anno ci sarà una logo-mania. Ma qual è il numero giusto di certificazioni? Dieci? Tredici?

Scopri tutto su Heimtextil

sostenibilità-design.jpg
Heimtextil 2020

Domotex: i pavimenti sostenibili

Anche la fiera dedicata ai pavimenti che si tiene ad Hannover, quest’anno aveva come tema sostenibilità e design. Con 1.400 espositori e 35 mila visitatori, Domotex è una fiera di una certa importanza. Così come l’intera industria tessile si sta rapidamente spostando verso la comunicazione intorno alla sostenibilità, così anche l’industria dei pavimenti. Si possono trovare facilmente tappeti e moquette realizzati con materiali sostenibili e fibre naturali, per esempio la lana.

sostenibilità-design.jpg
Domotex 2020

Si trova anche una discreta quantità di plastica riciclata trasformata in tessuti; molti prodotti sono piuttosto nuovi, quindi ancora sperimentali, ma i risultati sono molto buoni. La sezione tendenze della fiera conteneva molti spunti di ispirazione, con nuovi materiali e nuovi processi di lavorazione. Un esempio, è The Ruggist, che ha realizzato un tappeto con le reti da pesca raccolte e scartate (il materiale si chiama Econyl). Bellissimo.

sostenibilità-tappeti.jpg
Domotex 2020

imm cologne: l’arredamento e la sostenibilità, ancora tanta strada da fare

La terza fiera internazionale che si svolge in Germania è imm cologne, la fiera dell’arredamento che si tiene ogni anno in gennaio. Anche imm cologne 2020 si è concentrata sulla sostenibilità. Tuttavia, la comunicazione nell’industria del mobile non si è ancora evoluta come quella dell’industria tessile, anche se probabilmente ci sono dei validi motivi. Probabilmente è difficile rintracciare tutti i pezzi di un divano o di un banco di lavoro, ma è indubbio che in questo settore ci sia ancora molta strada da fare. Naturalmente, ci sono anche brand che comunicano molto bene anche su questo argomento, per esempio Zanat.

Scopri tutto su imm cologne 2020
Scopri i trend da imm cologne 2020

sostenibilità-imm-cologne-2020.jpg
imm cologne 2020

Ma un tappeto dell’azienda svedese Asplunds, per esempio, è di Tencel ed è un buon prodotto sostenibile, però Asplunds non lo comunica in nessun modo.  E questo è stato uno degli esempi più sostenibili che ho visto. La concept house Das Haus non comunicava niente sul tema della sostenibilità.

Maison & Objet:

La rassegna francese dedicata al’home decor, Maison & Objet, è sempre un grande spettacolo. Inoltre, è una buona scusa per andare a Parigi… Con oltre 90 mila visitatori e oltre 2.700 espositori, questa è una fiera dove si trova tutto, dalle spille da balia all’interior design di ambienti anche grandi. In sostanza, tutto per case, abitazioni e spazi pubblici. Tema di Maison & Objet 2020 era Re-generation, con particolare attenzione alle nuove generazioni e ai nuovi modelli di consumo. La sostenibilità era uno degli argomenti, ma solo uno di una lista di molti altri temi, correlati al design.

regeneration-maison-objet.jpg
Maison & Objet 2020

Così come l’industria dell’arredamento a imm cologne ha avuto difficoltà ad affrontare il tema della sostenibilità, così anche la sezione dei mobili a M&O ha ancora difficoltà nel comunicare questo tema. Ma tra i piccoli oggetti e il tessile, sostenibilità e riciclo erano invece molto presenti. Qui si trovavano prodotti fatti di scarti, nuovi materiali e nuove idee. Quest’anno ho trovato un one-time barbecue che sembrava fantastico. Oppure il brand svedese The Cord, che ha realizzato dispositivi elettrici e cavi con plastica riciclata e reti da pesca. In generale, il livello di innovazione tra gli oggetti più piccoli, è alto. Ho trovato l’azienda britannica Ohh Deer, che realizza biglietti d’auguri in carta con il marchio FSC, nuovi imballaggi e inchiostro sostenibile. Ma… Nessuna comunicazione. L’ho scoperto perché parlavo con loro. E avevano tutto bello e chiaro – ma nessuna comunicazione. Infine, mi piacerebbe che Maison & Objet facesse una mostra dedicata ai trend, esclusivamente con prodotti sostenibili.

Scopri tutto su Maison & Objet gennaio 2020, la 25esima edizione

Maison & Objet 2020

Christmasworld & Paperworld

Alla fine di gennaio è il momento di pensare al prossimo Natale. Una delle più grandi fiere di Natale, Christmasworld, è organizzata da Messe Frankfurt, insieme ad altre due fiere – Creativeworld e Paperworld.

Paperworld 2020

I temi di queste fiere sono ovviamente piuttosto ampi. Ma qui sono riuscito a trovare un po’ di buona energia sostenibile. Ovviamente, la sostenibilità si può trovare nella sezione della carta, e anche alcune delle penne sono realizzate con materiali interessanti. Quando si parla di Christmasworld, si pensa più che altro a una stagione felice e colorata che alla sostenibilità. C’è qualche brand che fa decorazioni in feltro o carta, ma in generale non c’è una grande sensibilità al tema della sostenibilità. Tuttavia, tra gli oggetti natalizi, come per esempio le candele – allora molto probabilmente si trova qualcosa. Se si cerca bene, qualcosa di buono si trova. [a cura di Stefan Nilsson, trendstefan.se]

Paperworld 2020