Il Compasso d’Oro alla carriera prodotto: un premio ai prodotti con la “carriera” più lunga e di successo, come il letto Nathalie, di Flou

L’edizione 2020 del Compasso d’Oro, per la prima volta, ha assegnato 3 premi alla carriera “prodotto”. Tre prodotti che hanno segnato in modo indelebile la storia del made in Italy. A un certo punto, anche gli oggetti cominciano ad acquistare un valore proprio, in quanto oggetti, indipendentemente dalla funzione che svolgono. Soprattutto gli oggetti che fanno parte dell’arredamento della nostra casa, e diventano parte della nostra vita quotidiana. Con loro si stabilisce quasi un relazione affettiva, che diventa sempre più esclusiva, nel corso degli anni. Alcuni prodotti, poi, sfidano il tempo e le mode, e diventano classici dalla vita eterna, ancora di successo dopo anni e anni.

letto-nathalie-flou.jpg
Il letto Nathalie, di Vico Magistretti per Flou, nella versione originale del 1978. Ha vinto il Compasso d’Oro alla carriera prodotto, 2020

Il Compasso d’Oro alla carriera diventa quindi un premio che riconosce la coralità di un prodotto: il progetto, la realizzazione, la produzione, la durata nel tempo. A tutti questi elementi si aggiungono caratteristiche di “unicità” (se di unicità si può parlare, trattandosi di un prodotto industriale), che fanno di un prodotto un’icona, un oggetto dalla lunga carriera, appunto.

Vedi tutti i premiati al Compasso d’Oro 2020, qui

letto-nathalie-flou.jpg
Il letto Nathalie, di Vico Magistretti per Flou, nel 2018

Il capostipite dei letti tessili moderni

La giuria del Compasso d’Oro 2020 ha dunque premiato il letto Nathalie, un progetto di Vico Magistretti per Flou del 1978, riconoscendone il valore come “capostipite di tutti i letti tessili moderni”. Il letto Nathalie è stato il primo a integrare letto, materasso e biancheria in un unico progetto. Lo stesso Magistretti spiegava: “In quel periodo, era arrivata la moda del piumone, e io l’ho semplicemente prolungato fino a coprire la base del letto.” La rivoluzione di Nathalie toccava anche la distribuzione, perché con quel letto tessile era possibile acquistare tutto il necessario nello stesso negozio, letto, materasso, cuscini e biancheria.

Il “fiocco perfetto” del letto Nathalie di Flou

Naturalmente, anche l’estetica del letto Nathalie aveva la sua importanza. Diventava infatti un elemento di arredo che consentiva di cambiare il progetto della stanza da letto, aprendo nuove frontiere nell’arredamento. Ultimo, ma non da ultimo, il dettaglio del fiocco che chiude le federe, segno distintivo di Nathalie.

Scopri tutto sul letto Nathalie di Flou, qui