A Tokyo, la designer francese Emmanuelle Moureaux realizza un’installazione di cifre numeriche in 100 diverse tonalità di colore

Emmanuelle-Moureax-Mirai-Tokyo-installazione-Emmanuelle
Foto Daisuke Shima

La designer francese Emmanuelle Moureaux ha realizzato una nuova installazione nel cuore del quartiere Green Springs di Tokyo. Mirai, questo il nome dell’opera, è composta da 5 colonne di 592 numeri di grandi dimensioni. Le colonne, alte 4 metri, sono formate da 100 numeri a 4 cifre, precisamente dai numeri che vanno dal 2020 al 2119. Una scelta non casuale. Mirai, infatti, che in giapponese significa futuro, rappresenta i prossimi 100 anni, in 100 diverse tonalità di colore.

Scopri qui le “Artists Room” del Park Hotel di Tokyo

Foto Daisuke Shima

Le colonne che formano l’installazione sono distanziate l’una dall’altra, per permettere ai bambini di passare attraverso la struttura e di interagire con i numeri e i colori anche dall’interno. Il corpo superiore della scultura, inoltre, è sostenuto orizzontalmente da una serie di numeri a 4 cifre di colore bianco, che rappresentano gli anni passati.

Emmanuelle-Moureaux-mirai-installazione-tokyo
Foto Daisuke Shima

Emmanuelle Moureaux e lo “shikiri”, un nuovo modo di progettare a colori

Emmanuelle Moureaux è una designer francese che vive in Giappone dal 1996. È a Tokyo, infatti, che ha deciso di aprire il suo studio di design e architettura emmanuelle moureaux architecture + design. Gli elementi tradizionali dell’architettura giapponese, e i colori della natura locale, hanno influenzato la sua filosofia progettuale e la nascita dello “shikiri”. Questa parola giapponese, che letteralmente in italiano significa “dividere o creare lo spazio con i colori”, indica il suo modo di progettare gli spazi, attraverso l’utilizzo dei colori.

Foto Daisuke Shima

Il progetto “100 colori”, installazioni che vanno alla scoperta dei colori e di nuove emozioni

Nel 2013 Emmanuelle Moureaux ha dato vita al progetto “100 colori”, una serie di installazioni da realizzare in 100 tonalità diverse di colore. Tra i progetti è presente anche Mirai, l’installazione numerica realizzata di recente nel centro di Green Springs, quartiere emergente di Tokyo. La designer nelle sue opere esplora il mondo dei colori attraverso l’utilizzo di 100 sfumature, invitando il pubblico a vivere esperienze fisiche, ma anche emotive. Secondo la Moureoux, infatti, ogni tonalità di colore genera un’emozione, che per ogni persona è diversa. Un’emozione nuova, che può accendere o spegnere l’animo delle persone, a seconda delle sensazioni che suscitano i colori.

Scopri qui le “Artists Room” del Park Hotel di Tokyo