Gli studenti dell’Istituto Marangoni reinterpretano Memphis, il movimento che ha rivoluzionato il design negli anni Ottanta

In occasione di Milano Design City, la School of Design di Istituto Marangoni presenta “Memphis. Il colore degli oggetti”. La mostra, aperta al pubblico, è dedicata al grande fenomeno culturale degli anni Ottanta creato da Ettore Sottsass e da un gruppo di giovani architetti, tra cui Michele De Lucchi, Alessandro Mendini, Andrea Branzi, che ha rivoluzionato l’idea di fare progetto e che celebra quest’anno il quarantesimo anno dalla sua nascita.

Proprio intorno a questo Movimento “postmoderno”, Istituto Marangoni ha scelto di far lavorare gli studenti del terzo anno del corso di Visual Design e gli allievi dei Master Surface & Textile Design e Product & Furniture Design, per l’ideazione di nuove proposte progettuali.

Una selezione di queste idee creative costituisce il cuore della mostra, che si articola in quattro parti: tre dedicate ai Dipartimenti della Scuola (Product, Visual e Interior Design), che presentano ciascuno i migliori progetti degli studenti raccontati attraverso immagini e talvolta in modelli 3D, e un’ultima sezione dedicata alla storia, con un’infografica e una selezione di pezzi storici di Memphis, e che si chiude con la presenza iconica della libreria Carlton, simbolo riconosciuto in tutto il mondo dell’intera produzione di questo rivoluzionario movimento culturale.

Gli studenti di Visual Design hanno lavorato ad alcune proposte di restyling dell’identità visiva di Studio Memphis che includesse le tre principali collezioni del marchio: Memphis Milano, Meta Memphis e Post Design. Nell’ambito del Master Surface & Textile Design, gli studenti hanno realizzato una serie di nuovi patterns decorativi destinati a superfici, tessuti e rivestimenti per il brand, attraverso la reinterpretazione di motivi grafici, simboli ed elementi visivi caratteristici di Memphis.

Un lavoro complesso, che ha visto i talenti impegnati nel corso di tutto l’anno accademico, stimolati anche attraverso incontri e approfondimenti, come il talk “Story Makers”, organizzata a novembre in Istituto Marangoni e che ha visto ospiti Denis Santachiara e Alessandro Guerriero, due voci autorevoli e visionarie della storia del design italiano e protagonisti di quello speciale periodo culturale.

L’esposizione, allestita al primo piano della sede di Via Cerva, è curata da Gustavo Martini, nato a Rio de Janeiro, premiato come “Next Generation Designer of The Year 2017” da Wallpaper * e Officine Panerai e parte del Prisma Project, il gruppo di ex studenti della School of Design che la scuola coinvolge nel corso dell’anno in progetti e iniziative di rilievo. Appartiene allo stesso team anche Yuetong Shi, cinese, anch’essa ex studentessa di Istituto Marangoni, che si è occupata dell’intero progetto grafico della mostra.

“MEMPHIS. IL COLORE DEGLI OGGETTI”

Istituto Marangoni Milano Design
Via Cerva, 24

Testi a cura di Stefano Caggiano – Programme Leader di Product Design

Progetto allestitivo: Gustavo Martini

Progetto grafico: Yuetong Shi

Dal 28 settembre al 10 ottobre 2020
dalle ore 9.00 alle ore 19.00