Dal 2021, Ikea abbandona totalmente il catalogo. Ma il catalogo serve ancora? L’abbiamo chiesto a Mauro Mamoli, Presidente di Federmobili

Alzi la mano chi non ha mai sfogliato il catalogo Ikea, ricco di idee per arredare ispirate alle scene di vita quotidiana. Dal 1950 al 2020, per 70 anni, il catalogo è stato uno degli elementi chiave del successo di Ikea. Nel tempo, il catalogo dei prodotti di arredamento è diventato un magazine iconico, con suggerimenti per risolvere tutti i problemi di spazio, in qualsiasi casa.

ikea-catalogo.jpg
Copertina del catalogo Ikea 1951

La storia del catalogo Ikea

Ingvar Kamprad, il fondatore di Ikea scomparso nel 2018, realizzò il primo catalogo Ikea nel 1951; in copertina c’era la poltrona MK con rivestimento marrone. Era solo in svedese, aveva 68 pagine, e furono stampate e distribuite 285 mila copie, nel sud della Svezia. Risale al 1998 la prima edizione del catalogo Ikea Ufficio, ed è del 2000 il primo catalogo digitale. Nel 2016, l’anno di punta, il catalogo Ikea è stato stampato in 200 milioni di copie, in 69 versioni e 32 lingue.

catalogo-ikea.jpg
Copertina del catalogo Ikea 2016

Tuttavia, i tempi cambiano, e il pubblico adotta, sempre più, modalità di acquisto e interazione nuove e diverse. Secondo Ikea, dunque, il catalogo ormai è caduto in disuso e non serve più. Dal 2001, anno del lancio dell’e-commerce in Scandinavia, ad oggi, le vendite online di Ikea nel mondo sono aumentate progressivamente, fino a una crescita del 45% nel solo 2019. Sempre nel 2019, il sito Ikea.com ha registrato oltre quattro miliardi di visite, e contemporaneamente Ikea ha migliorato i servizi digitali, con il lancio di nuove app.

Scopri la collezione Delaktig, di Tom Dixon per Ikea 

catalogo-ikea.jpg
Home page del sito Ikea Italia

Il decollo dell’e-commerce

Nel 2020, complice anche l’emergenza sanitaria Covid-19, l’esperienza dell’acquisto on line ha subito un’improvvisa accelerata in tutto il mondo, e anche Ikea ha preso atto che, forse, la modalità catalogo è superata dai tempi. Per molti anni il catalogo Ikea è stato uno strumento utilissimo per arredare e risolvere le esigenze di milioni di persone, e certamente il patrimonio di conoscenza raccolto nei circa 100 cataloghi non andrà disperso. Cambieranno semplicemente le modalità di connessione e interazione.

Scopri il tessuto Musselblomma, il tessuto sostenibile di Ikea, ricavato dai rifiuti del mare

ikea-catalogo.jpg
Copertina del catalogo Ikea 2021, l’ultimo

Il ruolo dei cataloghi nella vendita di arredamento

Una domanda, però, sorge spontanea: davvero è finito il tempo dei cataloghi come strumenti di vendita di arredamento? L’abbiamo chiesto a Mauro Mamoli, Presidente di Federmobili.

“La scelta di eliminare del tutto il catalogo, sia stampato sia digitale, esordisce Mauro Mamoli, è sicuramente significativa. Ed è ancora più significativo che provenga da Ikea, che raramente ha fatto errori nella comunicazione. Una scelta così forte, da parte di una realtà come Ikea, è sicuramente molto ponderata. Anche perché il catalogo Ikea era un magazine iconico, e sfogliare il catalogo nel corso dell’anno era quasi un rituale.”

La copertina del catalogo Ikea 1989, l’anno in cui Ikea ha aperto il primo negozio in Italia, a Cinisello Balsamo

Il catalogo virtuale ?

Ma, dal punto di vista di un rivenditore, il catalogo, come strumento di vendita, serve ancora?

In generale, i rivenditori utilizzano ancora i cataloghi dei produttori, azzarderei anzi che sono ancora tra gli strumenti più utilizzati, per vedere le soluzioni da proporre. Certamente, possono essere sostituiti dalla navigazione attraverso i cataloghi disponibili on line, e in alcuni casi dalle app, ma dipende dall’impostazione del negozio o del produttore. In generale, noi rivenditori abbiamo ancora molto l’abitudine di sfogliare i cataloghi cartacei, e li troviamo più comodi, a volte anche semplicemente più belli, così patinati. Ma i tempi cambiano, e qui torniamo all’annoso problema dell’evoluzione di un settore che, per alcuni aspetti, è ancora molto arretrato. Per questo, un segnale forte come l’abbandono del catalogo da parte di Ikea deve far riflettere. E deve spingere a confrontarsi con la realtà di un consumatore che, nel giro di pochi anni, avrà abitudini estremamente diverse.”

Copertina del catalogo 2020 de La casa Moderna, rete di rivenditori indipendenti italiani

Avremo il catalogo virtuale?

“In realtà, ci sono già molte esperienze di questo genere, software che consentono la visita degli ambienti con la realtà virtuale, o altre esperienze di digitalizzazione. Tuttavia, anche se questo è sicuramente il futuro e parzialmente già il presente, certamente ci sarà bisogno ancora di molto lavoro, per costruire percorsi di vendita on line efficienti, condivisi tra produttore e rivenditore.”

Leggi anche: i classici di Ikea reinterpretati da Scholten & Baijings

Il catalogo digitale di Ikea

Ikea: l’arredamento oltre il catalogo Ikea

L’abbandono del catalogo da parte di Ikea, dunque, è un evento che segna una discontinuità nel modo in cui eravamo abituati a considerare la comunicazione di arredamento. Sfogliando i cataloghi Ikea in progressione, infatti, si colgono distintamente i cambiamenti nell’arredamento, che a loro volta riflettono i mutamenti nei costumi e nelle abitudini delle persone. Si scopre come siano cambiate le funzioni dei vari ambienti delle casa in 70 anni, oltre, naturalmente, agli stili, ai materiali e ai colori. Ikea celebrerà la storia del catalogo con un Inspiration Book, nel 2021. E continuerà a ispirare i milioni di clienti con soluzioni e proposte sempre nuove, proseguendo la strada iniziata da Ingvar Kamprad nel 1950. [Roberta Mutti]

A questo link, puoi scoprire la collezione in edizione limitata Markerad, di Virgil Abloh per Ikea

Di recente, l’Ikea Museum ha digitalizzato tutti i cataloghi Ikea, consultabili qui

A seguire, divise per decenni, tutte le copertine dei cataloghi Ikea
Anni Cinquanta

Anni Sessanta

Anni Settanta

Anni Ottanta

Anni Novanta

Anni 2000

Anni 2010-2021