Le nuove sedi dell’Istituto Europeo di Design sono in edifici storici, a Milano e a Bilbao

Lo IEDIstituto Europeo di Design, ha aperto due nuove sedi, a Milano e Bilbao. Le due nuove scuole di design si aggiungono alle 10 già esistenti, aperte nel corso degli anni tra Italia, Spagna e Brasile. La Kunsthal IED di Bilbao e la nuova sede IED di Milano in via Piranesi ampliano così l’offerta formativa IED, offrendo così nuove sedi di formazione e studio, con aule e aree comuni che stimolano la creatività e la condivisione tra studenti.

Istituto-europeo-design-IED-bilbao
Kunsthal IED Bilbao

Kunsthal IED Bilbao

La Kunstahl IED Bilbao è la terza sede che IED apre in Spagna, dopo Madrid e Barcellona. Nata dalla fusione con il Centro Superior de Diseño Kunsthal, la Kunstahl IED Bilbao si trova sull’isola di Zorrotzaurre, all’interno del Papelera, un edificio industriale progettato nel 1958 da Manuel Andonza. La nuova scuola si inserisce perfettamente all’interno del progetto di riqualificazione dell’isola. L’isola di Zorrotzaurre, infatti, in passato era sede di un’area industriale, poi dismessa, di 600 milametri quadrati. Il progetto di rigenerazione di questo territorio è iniziato nel 2010 con lo studio Zaha Hadid Architects, che ha trasformato la penisola in isola, tagliando il lembo di terra che collegava Zorrotzaurre alla terraferma. I lavori di riqualificazione dell’area hanno dato vita a un nuovo quartiere urbano di Bilbao, collegato alla terraferma grazie a una serie di ponti, che ospita abitazioni private, aree commerciali e strutture dedicate all’arte e alla cultura.

La Kunstahl IED Bilbao ospita studenti di tutto il mondo. Secondo Massimo Rosi, CEO del Gruppo IED, la scuola contribuirà allo sviluppo di interessanti collaborazioni tra i talenti emergenti della scuola e il tessuto industriale e commerciale dei Paesi Baschi. Inoltre, nell’opinione di Rosi, l’ingegno e la creatività dei giovani designer potrebbero essere utili, per realizzare nuovi progetti a favore della riqualificazione dell’isola, che terminerà probabilmente intorno al 2030.

Gli interni della Kunstahl IED Bilbao sono stati progettati dallo studio abr/+/ARQUITECTOS. Gli spazi si ispirano alla filosofia  de “El aula es el bar”, che in italiano significa l’aula è il bar. Le aule e le aree comuni sono tutte di tipo informale e flessibili, per soddisfare qualsiasi tipo di esigenza in qualsiasi momento della giornata.

Scopri la scuola per bambini BeneBaby International Academy a Shenzhen, progettata dallo studio VMDPE Design

IED Milano

La nuova sede IED Milano, in via Piranesi, è dedicata ai corsi di più alto livello formativo dell’Istituto Europeo di Design. La nuova scuola di design si trova all’interno dei Frigoriferi Milanesi: un complesso industriale storico di Milano, che oggi ospita l’FM Centro per l’Arte Contemporanea, un polo dedicato all’arte contemporanea e al collezionismo con spazi espositivi, gallerie e archivi d’artista.

istituto-europeo-design-milano-ied
Un’aula della nuova sede IED, in via Piranesi a Milano

Situata all’ultimo piano di quest’edificio, la nuova sede IED sorge su di un’area di 3.000 metri quadrati, ed è circondata da vetrate che affacciano sul paesaggio circostante. Gli interni sono stati progettati dallo studio BerteroProjects. Ogni area della scuola impiega lo spazio al meglio ed è collegata all’altra in modo facile e intuitivo. Pannelli di vetro dividono i vari ambienti della scuola, lasciando libere connessioni e contaminazione tra gli spazi.

Scopri la scuola per bambini BeneBaby International Academy a Shenzhen, progettata dallo studio VMDPE Design

Gli arredi sono flessibili e funzionali. I tavoli da lavoro, per esempio, realizzati da BerteroProject con l’architetto Giorgio Grandi, sono accompagnati da bacheche di sughero utili per poter appuntare idee e progetti. Le aree di sosta e accoglienza della scuola sono invece arredate con i tavolini, le poltroncine e i divanetti della collezione M’Afrique di Moroso. Ciascun elemento della collezione, realizzato a mano in atelier senegalesi, rievoca i colori dell’Africa, le sue tradizioni e la sua artigianalità locale.