Ispirazione pop per il nuovo W Hotel a Osaka, un progetto di Concrete Amsterdam in un edificio con la facciata di Tadao Ando

Il primo W Hotel a Osaka, in Giappone, si trova sul Midosuji Boulevard, in un nuovo grattacielo di 27 piani. Il progetto del grattacielo è di Nikken Sekkei, con la supervisione della facciata di Tadao Ando. L’esterno ha l’aspetto di un rigoroso monolite nero, che contrasta con l’interno, ricco di luce e colore.

w-hotel-osaka.jpg
L’ingresso del W Hotel a Osaka

Come tutti gli altri nel mondo, il progetto del W Hotel di Osaka segue e si adatta allo spirito del luogo. Concrete Amsterdam ha tratto l’ispirazione dallo spirito semplice e tradizionale del Giappone, e dalla modernità, creando un progetto brillante e stravagante, che esprime il Giappone contemporaneo.

Scopri il grattacielo progettato da Nendo a Tokyo, con il giardino interno

w-hotel-osaka.jpg
Il tunnel all’entrata del W Hotel Osaka

Un lungo tunnel, dall’entrata principale di Midōsuji Boulevard, conduce nella lobby. Pareti e soffitto sono rivestiti con oltre 3.000 cerchi tagliati al laser, piegati come origami; l’illuminazione cambia colore secondo le quattro stagioni, e intensità dal giorno alla notte, creando un portale magico. Nella lobby, il soffitto è decorato con un motivo asanoha  un motivo geometrico tradizionale – che si riflette sul pavimento di granito, in sei tonalità di grigio scuro.

w-hotel-osaka.jpg
Il bar dell’area WET

Diversamente dagli hotel tradizionali, l’ascensore del W Hotel Osaka si apre direttamente sul bar, che è anche il cuore della socialità dell’hotel. La lobby, in parte al chiuso, in parte all’aperto, è illuminata da una “nuvola” luci in acrilico traslucide, disposte casualmente, che emettono luci simili alle luci al neon del passato, bianche e in colori fluo, che vanno dal viola al rosa, all’arancio, al giallo, al blu, al verde.

Scopri le “artist rooms” del Park Hotel a Tokyo

w-hotel-concrete-amsterdam.jpg
La lobby del W Hotel Osaka

Il ristorante Oh là là e l’area WET

L’arredamento del ristorante Oh là là, un bistrot di sapore francese, si ispira alle tradizionali pentole e padelle di rame, e alle tipiche camicie  bretoni a righe bianche e blu. Il ponte, il bar e il cortile WET sono gli spazi in cui gli ospiti del W Hotel possono immergersi nella natura. Il cortile è un’oasi, con piante che scendono lungo le pareti; qui si trovano la piscina e il bar adiacente. L’illuminazione è un punto focale dell’interior design in ogni spazio, con colori al neon che si alternano e “nuvole” di luci a soffitto simili a sculture acriliche.

w-hotel-concrete-amsterdam.jpg
Il bar dell’area WET

Stanze e suite

Le stanze e le suite hanno colori dominanti diversi a seconda dei piani, rosa sakura o blu, e gli ospiti possono scegliere il colore che preferiscono. Le stanze hanno una pianta aperta, con i vari ambienti divisi da schermi shoji di vetro. La zona del letto ha il pavimento in legno di noce, mentre i bagno sono rivestiti di marmo. L’interno delle ante degli armadi, anch’essi in noce, è decorato con un “pixorama” di Osaka, realizzato dai grafici dello studio eBoy.

w-hotel-concrete-amsterdam.jpg
E WOW suite

La suite Extreme Wow, al 27° piano, offre un’esperienza unica. Ispirata alle case tradizionali giapponesi, la suite è stata progettata in una sequenza di 5 stanze, separate da portali di quercia con schermi shoji scorrevoli, che chiudono o aprono le diverse stanze.

Scopri il grattacielo progettato da Nendo a Tokyo, con il giardino interno

Scopri le “artist rooms” del Park Hotel a Tokyo

w-hotel-concrete-amsterdam.jpg
E WOW suite

Altre immagini del W Hotel Osaka