Alla Triennale, dal 4 al 6 giugno, il Circuito Lombardo Musei Design organizza tre giorni di incontri ed eventi dal titolo “I luoghi del progetto”

I tre giorni in Triennale, a cura di Claudio Palvarini e Lodovico Gualzetti, prevedono racconti, proiezioni e una mostra. L’evento, organizzato da CS&L Consorzio Sociale in collaborazione con Magutdesign, ha il sostegno di Regione Lombardia, il contributo di Fondazione Cariplo e l’ospitalità di Triennale Milano. Le ventisette  realtà coinvolte, tra musei, archivi e studi-museo del design del Circuito Lombardo Musei Design, rappresentano l’eccellenza nell’ambito del disegno industriale.

musei-design-triennale.jpg
Villa Borsani a Varedo, progetto di Osvaldo Borsani.

Il circuito degli archivi-musei di design in Lombardia alla Triennale

I protagonisti di questa grande rete sono gli archivi-museo dei più importanti designer lombardi. Cesare Cattaneo, Origoni Steiner, Osvaldo Borsani, Piero Bottoni, Giovanni Sacchi, Gae Aulenti, Joe Colombo, Pierluigi Ghianda, l’Archivio storico SDF – Museo SAME e Fondazione ISEC.

musei-design-triennale.jpg
Casa-studi Gae Aulenti. Foto: Santi Caleca

Le associazioni Giancarlo Iliprandi, Longaretti e AIAP – Associazione italiana design della comunicazione visiva. Poi le Fondazioni Achille Castiglioni, Franco Albini, Studio Museo Vico Magistretti, Jacqueline Vodoz e Bruno Danese. Infine, piccoli e grandi musei, come MAC – Museo d’arte Contemporanea di Lissone, Museo della Macchina per Cucire, Museo della macchina da scrivere, Molteni Museum, MUMAC – Museo della Macchina per Caffè di Gruppo Cimbali, Museo Fratelli Cozzi, Museo Fisogni delle stazioni di servizio, Kartell Museo, e Officina Rancilio 1926.

Scopri anche la mostra su Vico Magistretti, alla Triennale fino al 12 settembre 2021

musei-design-triennale.jpg
Stanza di Achille Castiglioni, alla Fondazione Achille Castiglioni

L’impluvium, al primo piano di Triennale Milano, ospita la mostra “Un viaggio nel paese del design”. In 18 metri, immagini, foto e testi che approfondiscono le diverse realtà e la loro relazione con il territorio.

Glass Cube, Museo Molteni, presso l’azienda Molteni & C

“Oggetti unici” di design

Tra i numerosi appuntamenti di questa ricca tre giorni, il ciclo “Oggetti unici” vede gli interventi di 15 curatori delle realtà aderenti al Circuito. Ogni curatore mostra e illustra un bozzetto, un modello, un prototipo o un oggetto di particolare interesse o rilievo. Fra questi, il set di posate per aereo dell’Archivio Joe Colombo, la Williams Curved 1 del Museo della Macchina da Scrivere, il prototipo degli anni ’60 di una macchina per caffè da casa, di Achille Castiglioni per La Cimbali, e dal museo SAME il modellino del trattorino Universale 10 HP del 1948, che rappresentò un gioiello dell’industria italiana.

Sala Albori del MUMAC. Foto: Matteo Valle

Gli spazi dell’Agorà, oltre ai talk, ospitano le due serate di “Design in video”, con proiezioni storiche, interviste, video aziendali e pubblicità. Appuntamento conclusivo del weekend culturale è la presentazione del volume “Vogliamo ricostruire l’Italia”, realizzato ad aprile 2020 per il 75° anniversario della Liberazione, a cura dell’Archivio Giovanni Sacchi nella figura di Lodovico Gualzetti: una raccolta di poster ideati da giovani creativi in omaggio ai designer, ai grafici e agli architetti che hanno militato nella Resistenza e hanno subito persecuzioni.