La ventesima edizione del Serpentine Pavilion di Londra è a cura dello studio sudafricano Counterspace

serpentine-pavilion-2021.jpg

Dopo aver saltato un anno per la pandemia, torna il Serpentine Pavilion, a Londra, con la ventesima edizione. Il progetto dell’edizione 2021 è a cura dello studio Counterspace, di Johannesburg, diretto da Sumayya Vally. Come consuetudine, il Serpentine Pavilion è il progetto con cui uno studio di architettura internazionale debutta in Gran Bretagna. Infatti, l’architetto del Serpentine Pavilion, come requisito, non deve mai avere realizzato progetti in Gran Bretagna, prima del Pavilion. Sumayya Vally, oltre a debuttare in Gran Bretagna, è anche l’architetta più giovane ad aver progettato un Serpentine Pavilion.

Vedi tutti i Serpentine Pavilion, dal 2000 a oggi

Scopri anche il Serpentine Pavilion 2019, dell’architetto giapponese Junya Ishigami

serpentine-pavilion-2021.jpg

Per il Serpentine Pavilion 2021, lo studio Counterspace si è ispirato alle varie comunità e ai luoghi di incontro che le caratterizzano, nei vari luoghi di Londra. Attraverso uno studio durato qualche mese, Counterspace ha identificato quelle comunità nei quartieri di Brixton, Hoxton, Tower Hamlets, Edgware Road, Barking e Dagenham e Peckham. Il Padiglione, dunque, rende omaggio ai luoghi, a quelli che non ci sono più e ai luoghi ancora attivi, che permettono alla comunità di esistere. Tra questi, ci sono alcune delle prime moschee costruite in città, come la Fazl Mosque e la East London Mosque, librerie cooperative come Centerprise, a Hackney; o ancora, luoghi di intrattenimento e culturali come The Four Aces Club su Dalston Lane, il ristorante The Mangrove e il Notting Hill Carnival.

Scopri anche il Serpentine Pavilion 2019, dell’architetto giapponese Junya Ishigami

serpentine-pavilion-2021.jpg

Il Serpentine Pavilion 2021 è costruito in acciaio recuperato, sughero, e legno ricoperto di micro-cemento. Le diverse texture, e le tonalità di rosa e marrone, derivano direttamente dall’architettura di Londra e si riferiscono ai mutamenti nella qualità della luce. La struttura è progettata per essere interamente smontata e riutilizzata.

Serpentine Pavilion: un’architettura temporanea interamente riutilizzabile

Storicamente, il padiglione è sempre stato un mezzo per progettare con materiali innovativi. Quest’anno, il progetto ha cercato di usare solo materiali recuperati da altre costruzioni. La struttura primaria del padiglione, quindi, è fatta interamente di acciaio recuperato da altri progetti, materiale che era già in deposito nel cantiere dell’appaltatore, Stage One. Il sughero di rivestimento è un sottoprodotto dell’industria vinicola, e il micro-cemento deriva dalla calce e dagli scarti di produzione del marmo. La costruzione del Serpentine Pavilion devo sottostare a vincoli molto rigidi. Innanzitutto, nessuna struttura dev’essere permanente. Inoltre, al termine del periodo, il giardino dev’essere ripristinato esattamente com’era. Per questo, gli impianti idraulici ed elettrici sono interrati. La parte di costruzione in superficie, invece, dovrebbe essere sempre smontabile e riutilizzabile. Non sempre viene davvero riutilizzata, ma questi sono i vincoli costruttivi.

Scopri anche che fine hanno fatto i Serpentine Pavilion dal 2000 a oggi

Per sottolineare la collaborazione tra Serpentine Galleries e le organizzazioni partner, per la prima volta nella storia di questa commissione, quattro Frammenti del Padiglione sono collocati nella città di Londra. Nello specifico, presso uno dei primi editori e librai neri nel Regno Unito, New Beacon Books a Finsbury Park, e presso un locale polivalente e centro comunitario The Tabernacle a Notting Hill. Inoltre, presso il centro artistico The Albany a Deptford, e nel nuovo Becontree Forever Arts and Culture Hub presso la Valence Library a Barking and Dagenham, istituito quest’anno per commemorare il centenario del più grande complesso residenziale comunale del Regno Unito. (Txt Roberta Mutti, Foto Iwan Baan, courtesy Serpentine Galleries]

Vedi tutti i Serpentine Pavilion, dal 2000 a oggi

Frammento del Serpentine Pavilion presso il centro comunitario The Tabernacle a Notting Hill. Foto: George Darrell, courtesy Serpentine Galleries

Il Serpentine Pavilion 2021 sarà visitabile fino al 17 ottobre 2021
Serpentine Galleries, Kensington Gardens, London W2 3XA