Il 31 luglio 2021 è mancato Lodovico Acerbis, imprenditore e designer tra i più rappresentativi del made in Italy

La storia di Acerbis Design è la tipica storia di un’azienda familiare made in Italy del settore dell’arredamento. Nata nel 1870 come falegnameria ad Albino (Bergamo), su iniziativa di Benvenuto Acerbis, debutta nel design industriale nel secondo dopoguerra. Marino Acerbis, la seconda generazione, nel 1942 comincia la collaborazione con l’architetto Pino Pizzigoni, e introduce la laccatura rossa e le vernici sintetiche.

lodovico-acerbis-design.jpg

Nel 1963, con l’ingresso di Lodovico Acerbis, l’azienda si trasferisce a Seriate, e nasce il marchio Acerbis International. Lodovico Acerbis, designer, oltre che imprenditore, intuisce le potenzialità dell’arredo made in Italy, e inizia a collaborare con designer internazionali. Il primo risultato di questo nuovo corso, nel 1968, è Addition System, di De Pas, D’Urbino e Lomazzi. Un sistema di contenitori componibile e personalizzabile, colorato, che attira l’attenzione del mercato internazionale.

lodovico-acerbis-design.jpg
Addition System, progetto di De Pas, D’Urbino, Lomazzi, 1968

Nel 1971, Lodovico Acerbis progetta Parioli System, una credenza che sintetizza l’esperienza e la conoscenza dei materiali. Nella prima versione, Parioli System era in legno e acciaio; in seguito è stata prodotta in lacca poliestere, con finiture antigraffio.

lodovico-acerbis-design.jpg

Acerbis design: un nuovo concept di living

La produzione Acerbis Design si è articolata, negli anni, attorno al living e alle soluzioni più innovative e tecnologiche: un nuovo panorama domestico, come quello celebrato nella mostra al MoMA, Italy, the new domestic landscape, a cui Acerbis aveva partecipato, con Central Block, il sistema progettato da Alberto Seassaro.

Central Block, progetto di Alberto Seassaro, 1971

All’inizio degli anni Settanta, Roberto Monsani interpreta il nuovo living, con volumi pieni e vuoti che disegnano le pareti e mobili dall’estetica nuova. Life Collection è una collezione completa, che comprende sistemi a parete retroilluminati, tavoli e divani che riassumono la calamità di innovare.

Leggi MDF Italia acquisisce Acerbis Design

Divano Life, di Roberto Monsani, 1974

Una visione internazionale

Con Giotto Stoppino, inizia un periodo tra i più importanti per la storia dell’azienda, che conduce al progetto di alcuni dei prodotti più iconici della storia di Acerbis International. La lacca poliestere e le nuove tecnologie diventano centrali nell’attività dell’azienda. Dalla collaborazione tra Giotto Stoppino e Lodovico Acerbis nascono la credenza Sheraton, premiata con il Compasso d’Oro nel 1979, inclusa nella Permanent Design Collection del Victoria & Albert Museum di Londra.  Giotto Stoppino e Lodovico Acerbis insieme hanno progettato anche il sistema componibile Hilton, la libreria Brooklyn e la credenza Quartetto. Le Poste Italiane hanno celebrato Quartetto in un francobollo, della serie “Design Italiano”, nel 2000.

Credenza Sheraton, Giotto Stoppino e Lodovico Acerbis, premiata con il Compasso d’Oro nel 1979

Tra i molti architetti con cui ha collaborato Acerbis, possiamo citare Foster & Partners, che ha sviluppato il sistema di librerie Cambridge, per la facoltà di Legge dell’Università di Cambridge. Il sistema di librerie su progetto, in seguito è entrato nella produzione di serie, per l’ufficio e la casa.

Libreria Cambridge, Foster & Partners, 1995

Una parte rilevante dell’attività di Acerbis Design è l’investimento in comunicazione, che ha visto la collaborazione con molti fotografi d’eccezione. Tra questi, lo studio Ballo + Ballo, che ha realizzato una serie di scatti per Acerbis, dando una luce e una vita dal sapore de chirichiano ai pezzi cardine della collezione.

Nel 2019, Acerbis Design ha iniziato un nuovo capitolo della sua storia, con MDF Italia, un’altra realtà significative del made in Italy.

Leggi MDF Italia acquisisce Acerbis Design