A Expo 2020 Dubai, una giovane azienda italiana ha fornito il materiale per le coperture dei percorsi all’aperto

i-Mesh è un tessuto leggero e traspirante, realizzato dalla start-up italiana che porta lo stesso nome. Per l’Expo 2020 Dubai, Werner Sobek ha usato il tessuto i-Mesh per il progetto delle coperture dei percorsi. Il materiale è perfetto per quelle latitudini; infatti, ripara dal caldo e dai raggi diretti del sole, ma è traspirante, dunque lascia circolare l’aria. Il tessuto i-Mesh è stato utilizzato per tutte le passerelle principali.

expo-2020-dubai-coperture.jpg

La copertura di tutta la promenade di Expo 2020 Dubai ha richiesto 52.500 mq di tessuto, per una lunghezza totale di 2,7 km. Il tessuto, eco-compatibile e tecnologico, ha superato il test di resistenza ad una tempesta di sabbia, rimanendo intatto, senza tagli, grazie alla robustezza e flessibilità delle sue fibre, alla morbidezza del materiale, al suo peso ben calibrato. Il tessuto è caratterizzato dai motivi distintivi di una moderna “Mashrabiya”, lo schermo traforato tradizionalmente usato nell’architettura dei Paesi arabi.

Scopri anche il Padiglione del Giappone a Expo 2020 Dubai

Leggi il Padiglione del Canada a Expo 2020 Dubai

Scopri anche il Padiglione Italia a Expo 2020 Dubai

Leggi anche il Padiglione della Gran Bretagna a Expo 2020 Dubai

Scopri anche il Padiglione della Finlandia a Expo 2020 Dubai

Leggi anche il Padiglione della Svizzera a Expo 2020 Dubai

Vedi anche il Padiglione degli Emirati Arabi a Expo 2020 Dubai

Scopri anche il Padiglione della Corea a Expo 2020 Dubai

expo-2020-dubai-coperture.jpg

Questa è la prima volta che i-Mesh viene applicato su una grande scala urbana. L’idea del progetto di Werner Sobek, era di ricreare il carattere intimo di una pergola, ma con dimensioni imponenti; grazie ad i-Mesh, luce e aria filtrano sulle passerelle, creando un microclima confortevole con il semplice uso di un tessuto estremamente resistente.

expo-2020-dubai-coperture.jpg

La tettoia di Expo 2020 Dubai è prodotta con lo scarto del 3% di scarto di materiale vergine. I 2,7 km di copertura retrattile non hanno travi di sostegno trasversali. Questo significa 30 chilometri di alluminio estruso risparmiati, quindi un “taglio” di 31 tonnellate di CO2 che non saranno rilasciate nell’ambiente. Inoltre, i-Mesh è riutilizzabile. Dopo la fine di Expo 2020 Dubai, buona parte del tessuto impiegato per le coperture resterà sul luogo come installazione permanente, mentre altre parti saranno riutilizzate per progetti diversi.

Un materiale innovativo per architettura

i-Mesh è formato da sei tipi di fibre, di cui quattro minerali, e da un polimero termoplastico che non cambia le sue proprietà durante il processo industriale; questo significa che può essere separato dalle fibre durante le operazioni di riciclo.

Scopri anche il Padiglione del Giappone a Expo 2020 Dubai

Leggi il Padiglione del Canada a Expo 2020 Dubai

Scopri anche il Padiglione Italia a Expo 2020 Dubai

Leggi anche il Padiglione della Gran Bretagna a Expo 2020 Dubai

Scopri anche il Padiglione della Finlandia a Expo 2020 Dubai

Leggi anche il Padiglione della Svizzera a Expo 2020 Dubai

Vedi anche il Padiglione degli Emirati Arabi a Expo 2020 Dubai

Scopri anche il Padiglione della Corea a Expo 2020 Dubai

Il tessuto i-Mesh, brevettato, è leggero ed estremamente resistente; si può installare, immagazzinare e smontare con grande facilità, e si può riutilizzare più volte. Si produce esclusivamente in pannelli su misura, secondo una logica zero waste; è un prodotto circolare, ma anche un materiale totalmente personalizzabile, che si adatta ad ogni esigenza progettuale. Non esiste una trama standard, ogni progetto è unico. Il tessuto i-Mesh si può impiegare sia all’interno che all’esterno.