A Vienna, il nuovo Superbude Wien Prater, un hotel dove domina la fantasia

Dopo il successo del primo Suberbude, inaugurato nel 2006 ad Amburgo, a Vienna ha inaugurato di recente “Superbude Hotel & Hostel & Home Wien Prater”. Una nuova struttura dedicata all’ospitalità che accoglie viaggiatori e artisti, per brevi o lunghi periodi,  in un ambiente informale e fantasioso.

Superbude Hotel Vienna

Il progetto, molto originale, è a cura di Laura Karasinski (Atelier Karasinski) e Gerd Zehetner (archiguard), con la collaborazione degli studenti dell’Universität für Angewandte Kunst. Gli studenti hanno partecipato alla creazione artistica della struttura, personalizzando le pareti delle stanze.

Scopri l’Hotel Dar Darma Riad a Marrakech

Superbude Hotel Vienna

Un hotel ispirato al viaggio

Il tema principale di Superbude Wien Prater è quello del viaggio e dell’avventura; l’ispirazione è quella del primo volo in mongolfiera in Austria di Johann Georg Stuwer (1732-1804). Il ristorante NENI, all’ultimo piano del Superbude, offre una vista panoramica della città di Vienna, simile alla vista da una mongolfiera.  La lobby, un grande soggiorno arredato in modo originale, è concepita come un luogo per eventi e incontri dove ognuno può sentirsi come a casa.

Le sale riunioni sono polivalenti e possono essere utilizzate anche come sale per conferenze o performance musicali. Le 178 camere, dette anche “Buden”, sono progettate in 17 varianti, ognuna delle quali con uno stile, un design e un tema personalizzato, per adattarsi alle esigenze e stati d’animo degli ospiti, a cui offrono diverse esperienze di soggiorno.

Le camere del Superbude Hotel sono ispirate al Prater di Vienna e riproducono diverse esperienze di viaggio. Campeggi con camper accatastati per piano, letti a castello, case sugli alberi e camere con altri temi, per assecondare diversi gusti.

Proprio come nel primo Superbude di Amburgo, anche in quello di Vienna si è posta molta attenzione  al tema della sostenibilità sia per quanto riguarda la scelta degli arredi, principalmente di seconda mano, che dei materiali e dei prodotti, tutti biologici e naturali. Txt: Arianna Callocchia Foto: Jakub Markech