L’architettura mista di Sasaki Architecture nel cuore di Shirokane, in Giappone, ha vinto il premio Architecture Master Prize 2021

architecture-master-prize-2021-sasaki-architecture

La nuova architettura mista progettata da Sasaki Architecture a Shirokane, in Giappone, ha vinto il premio Architecture Master Prize 2021, nella categoria Mixed-Used Architecture. L’Architecture Master Prize è uno dei premi internazionali più prestigiosi al mondo, che premia i migliori progetti di architettura, interior, product design; design del paesaggio e fotografia.

La nuova architettura multifunzionale di Sasaki Architecture

Il progetto vincitore di Sasaki Architecture si trova nel distretto di Shirokane, un quartiere di Tokyo, in Giappone. E si tratta di un edificio di cinque piani che ospita al suo interno spazi residenziali, commerciali e uffici.

La facciata è composta da pareti portanti in cemento armato e pannelli luminosi in acciaio inossidabile. Priva di forme e di colori, durante il giorno riflette le ombre statiche e in movimento del paesaggio intorno e della vitalità circostante.

Scopri il padiglione del Giappone a Expo 2020 Dubai

architecture-master-prize-2021-sasaki-architecture

Libertà progettuale e spazi che si trasformano

L’edificio ospita al suo interno un ristorante, delle unità abitative e, all’ultimo piano, degli uffici.

Le unità abitative realizzate sono monolocali o appartamenti con soggiorno che diventa anche stanza da letto, sala da pranzo e cucina. Ampie finestre di forma quadrata arieggiano gli spazi, illuminandoli di luce naturale. L’organizzazione interna delle abitazioni è semplice e lineare; studiata per trasformare gli spazi a seconda delle proprie esigenze. Ogni appartamento, infatti, ha grandi pareti divisorie scorrevoli che separano il soggiorno dalla camera da letto, quando è necessario.

All’ultimo piano, infine, si trovano gli uffici. L’altezza di 3,7 metri del soffitto ha permesso la realizzazione di una zona soppalcata da utilizzare per lavorare, oppure per un’altra sistemazione abitativa. [Foto TAKUMI OTA PHOTOGRAPHY]