Il London Design Festival torna dal 17 al 25 settembre 2022 per celebrare la ventesima edizione

Quest’anno il London Design Festival celebra il suo 20° anniversario, dal 17 al 25 settembre 2022, con un programma ricco di eventi, mostre e installazioni che rendono Londra capitale del design per 10 giorni.

Scopri il London Design Festival 2019

Giunto alla ventesima edizione, fin dalla prima edizione, nel 2003, il Festival ha l’obiettivo di promuovere Londra come capitale del design. Il London Design Festival ha svolto un ruolo fondamentale nell’espansione dell’industria del design britannico, rafforzando la posizione di Londra e del Regno Unito come centro di creatività. Il Festival, inoltre, ha dato una spinta al turismo internazionale, contribuendo a fare di Londra una destinazione globale per i viaggi.

Esplora il nuovo hotel The Londoner, di Yabu Pushelberg

london-design-festival-2022.jpg
The Londoner hotel, design Yabu Pushelberg

Nel 2019, l’ultimo anno pre-pandemia, il Festival ha contato oltre 600 mila visitatori, di cui più di un terzo provenienti dall’estero, in rappresentanza di 75 Paesi. Inoltre, con l’aiuto del London Design Festival, oltre 2.500 aziende, sia piccole che affermate, hanno raggiunto direttamente un vasto pubblico.

Nel 2022, il Festival tornerà ad essere un punto di riferimento per la comunità internazionale del design, grazie al programma di installazioni, alle mostre museali, ai Distretti del Design e al Global Design Forum, il programma che riunirà i leader creativi in seminari e talk.

Le installazioni nel 2022

A Cromwell Place, Sony Design presenterà INTO SIGHT, una piattaforma multimediale a grandezza naturale che gioca su effetti sensoriali, per trasformare le superfici in una vista infinita grazie a luci, colori e suoni mutevoli. Man mano che il pubblico entra, si generano interazioni visive e sonore che creano commistioni tra realtà fisica e meta-realtà.
La designer Sabine Marcelis, invece, creerà un’installazione all’aperto nel centro di Londra, a Centre Point.

Installazione MultiPly, a cura di AHEC, design Waugh Thistleton Architects e Arup, London Design Festival 2018

London Design Festival Commissions

Per il programma di Commissions, LSI Stone lavorerà con Stanton Williams e Webb Yates, in collaborazione con experimentadesign, per realizzare Henge. Il progetto, a Greenwich Peninsula, il Design District dove si tiene anche Design London, si ispira alle strutture neolitiche in pietra. La forma circolare dell’installazione creerà uno spazio di aggregazione dall’identità chiara, un luogo di ritrovo accogliente per il relax, con musica e performance. Il padiglione sarà realizzato in calcare e marmo giurassico risalente a 150 milioni di anni fa, un materiale riciclabile e a zero emissioni di carbonio.

L’hub del Festival

Il London Design Festival al V&A Museum è una collaborazione tra uno dei più importanti musei d’arte e design del mondo e il principale festival di design contemporaneo di Londra. Giunta al 13° anno di collaborazione come Hub ufficiale del Festival, questa collaborazione vedrà diverse installazioni e allestimenti realizzati appositamente da designer contemporanei internazionali.

london-design-festival-2019-bamboo-ring-kengo-kuma.jpg
Bamboo Ring, di Kengo Kuma, V&A Museum, London Design Festival 2019

La mostra R for Repair è un progetto del DesignSingapore Council e del National Design Centre (Singapore). A cura di Hans Tan Studio (SG) e Jane Withers Studio (UK), la mostra vede designer singaporiani e britannici riparare e dare una nuova vita a oggetti britannici e singaporiani; si tratta di oggetti domestici rotti, per riflettere sul concetto di riparazione, e sulla sua validità.

Plasticity, invece, è una scultura monumentale, progettata dall’architetto italiano Niccolò Casas, stampata in 3D da Nagami e realizzata con Ocean Plastic, rifiuti plastici marini intercettati dalla rete di collaborazione Parley for the Oceans. Presentato alla Biennale di Architettura 2021, il progetto esplora la possibilità di trasformare un materiale di scarto nocivo in nuovi usi, evidenziando al contempo il lavoro dell’organizzazione per la pulizia delle spiagge, delle isole e delle comunità costiere del mondo.

victoria-albert-museum-plasticity.jpg
Plasticity, di Niccolò Casas, al Victoria & Albert Museum

Il V&A Museum sarà anche il teatro di una live performance di soffiatura del vetro, di Omer Arbel, designer e architetto canadese.

Scopri Material Experiments, live performance di soffiatura del vetro di Omer Arbel 

I Distretti del design al London Design festival 2022

Quest’anno saranno 12 i Distretti del Design che faranno parte del Festival; Brompton Design District, Clerkenwell Design Trail, Islington Design District, King’s Cross Design District, Mayfair Design District, Shoreditch Design Triangle, Southwark South Design District, William Morris Design Line.

Nel Brompton Design District, Poliform presenta Incontri, una mostra fotografica di Paolo Roversi,

Ritornano dopo il successo del debutto dello scorso anno Greenwich Peninsula e Park Royal Design District, e si rilanciano per il 2022, Bankside Design District e Pimlico Road Design District.

Boffi|De Padova presenta la collezione di Paul Smith per De Padova, già presentata alla Milano Design Week

Design London

Design London torna a North Greenwich per la sua seconda edizione dal 21 al 24 settembre 2022. Dopo il debutto nel 2021, quest’anno la fiera raddoppia la superficie.

Scopri Design London 2022

design-london.jpg
Design London, North Greenwich

Global Design Forum

Il Global Design Forum è il programma di seminari e talk del London Design Festival, che celebra il design e il suo pensiero. Quest’anno il Festival collabora con Arup Foresight, ExploreStation, con la guida del Design Council per conto di Network Rail, e in collaborazione con Commonplace, Digital Urban, The GlassHouse Community Led Design e Tétris Design and Build.

Il programma per il 2022 abbraccia una serie di argomenti di attualità. Si parlerà in particolare di design sostenibile e rigenerativo; delle opportunità e delle sfide derivanti dalle nuove tecnologie e piattaforme; della diversità e dell’inclusione nel settore; dell’apertura del mercato del design.

L’immagine coordinata del London Design Festival è a cura dello studio Pentagram