Bigmat International Architecture Award 2023

Grandi novità per il Bigmat International Architecture Award 2023: nuovi premi e categorie per valorizzare l’architettura su piccola e grande scala

Melopee School. Gran Premio Internazionale Architettura 2021. Foto Maxime Delvaux

Il Bigmat International Architecture Award si presenta con un nuovo format, nuove categorie e nuovi premi. Il concorso tra i più importanti d'Europa, valorizzerà l’architettura in tutte le sue forme e dimensioni, sia su larga che su piccola scala.

Iscriversi al BigMat International Architecture Award 2023

Le iscrizioni per partecipare al BigMat International Architecture Award 2023 saranno aperte fino al 27 aprile. Ideato e promosso dal Gruppo BigMat, il concorso, a cadenza biennale, rivolge lo sguardo a quelle opere che sono riuscite a dare un contributo considerevole alla cultura architettonica contemporanea.

Il concorso prende in considerazione interventi di scala più imponente ed edilizia di “tutti i giorni”, supportando l’architettura di qualità nelle sue diverse declinazioni. BigMat vuole dunque premiare tutte quelle opere, grandi e piccole, in grado di ridisegnare il paesaggio urbano con spazi che trasmettano valori innovativi, sostenibili, comfort, benessere abitativo ed efficienza energetica.

Bigmat International Architecture Award
Pirelli Learning Center. Premio Nazionale Italia 2021. Foto Filippo Romano, Helene Binet

Le novità per l'edizione 2023: nuovi premi e riconoscimenti

BigMat rimodula i riconoscimenti internazionali da assegnare con l’obiettivo di valorizzare parallelamente entrambe le categorie.

Questa nuova edizione, infatti, prevede la consegna di due Gran Premi di Architettura, ognuno del valore di 30.000 euro: uno per i progetti della categoria “Architettura residenziale su piccola scala” e l’altro, invece, per quelli della categoria “Grandi opere di architettura”.

Quest'anno, inoltre, nella categoria "Architettura residenziale su piccola scala" saranno contemplate anche le abitazioni unifamiliari (nuova costruzione o ristrutturate/ampliate) e i progetti residenziali su piccola scala fino a un massimo di 12 unità residenziali e/o un massimo di 1.200 m2 costruiti totali.

Menzione speciale progetti piccola scala 2021. Casa O Fieiro. Foto Alfonso Quiroga

Il regolamento

Al  concorso potranno essere iscritte le opere realizzate tra il primo gennaio 2019 e il primo gennaio 2023 in Belgio, Francia, Italia, Portogallo, Repubblica Ceca, Slovacchia e Spagna: i sette Paesi in cui è presente il marchio BigMat.

Tra i progetti candidati avverrà una preselezione di 140 opere (70 per ognuna delle due categorie). Successivamente dalla rosa delle 14 opere finaliste saranno proclamate le sette vincitrici di ciascun Paese e di entrambe le categorie.

Tra queste sette, solo una vincerà il BigMat International Architecture Award 2023. Quest'anno, inoltre, verrà assegnata una Menzione Speciale anche ai giovani architetti under 40.

La giuria del BigMat International Architecture Award 2023

Le opere in concorso saranno valutate da una giuria internazionale formata da figure di spicco del settore e provenienti dai sette Paesi in gara. Alla guida dei giurati ci sarà  Jesús Aparicio, architetto e cattedratico dell’Università Politecnica di Madrid, e il segretario Jesús Donaire, architetto e professore associato dell’Università Politecnica di Madrid.  A seguire, Enrico Molteni (Italia), architetto e professore del dipartimento di Architettura e Design Università degli Studi di Genova; David Van Severen (Belgio), architetto e fondatore di OFFICE Kersten Geers David Van Severen; Petr Janda (Repubblica Ceca e Slovacchia), architetto e fondatore di Brainwork; Gilles Delalex (Francia), architetto e dirigente di Muoto Architecture Studio; Nuno Brandão Costa (Portogallo), architetto e professore; Ángela García de Paredes (Spagna), architetto e fondatrice di Paredes Pedrosa Arquitectos, professoressa del dipartimento di Project Design dell’ETSAM di Madrid.

La cerimonia di premiazione si terrà a novembre 2023 in concomitanza con l’annuale Congresso internazionale del Gruppo BigMat.

Per avere maggiori informazioni clicca qui

 

 


Wonderforest Nature Preschool Palette Architecture

Wonderforest Nature Preschool: la natura a misura di bambino

A Brooklyn Palette Architecture progetta Wonderforest Nature Preschool, un asilo che invita a vivere esperienze ludiche a contatto con la natura

Wonderforest Nature Preschool Palette Architecture

A Brooklyn (New York), nel distretto di Prospect Heights, Palette Architecture progetta Wonderforest Nature Preschool, una scuola materna che promuove esperienze di gioco, tattili e sensoriali, a contatto con la natura.

Wonderforest Nature Preschool, un concetto di scuola evoluto

Peter Miller, socio fondatore di Palette Architecture spiega: “Oggigiorno, educare alla natura in tenera età è importante, soprattutto per sensibilizzare e insegnare alle generazioni future il modo migliore per rispettare il nostro Pianeta. La vocazione educativa della scuola, incentrata prevalentemente sul rapporto bambino-natura, ci ha permesso di inserire senza ostacoli elementi naturali all’interno della scuola materna. Siamo infatti riusciti a replicare trame e colori della natura attraverso forme biofile che consentono ai bambini di imparare attraverso l’acqua, gli alberi, le piante e la terra. All’interno di Wonderforest Nature Preschool le principali aree di gioco simulano le stesse esperienze educative e di scoperta che i bambini fanno quando sono all’aperto.”

Wonderforest Nature Preschool Palette Architecture
The Forest

Un ambiente tutto da esplorare

La struttura del Wonderforest Nature Preschool è circondata da vetrate terra-cielo che illuminano gli spazi di luce naturale in modo da stabilire connessioni visive con l’esterno. Le aree comuni di gioco, immerse nel verde, sono fiancheggiate da un lungo corridoio che porta nelle rispettive aule. Le aule, anche qui illuminate di luce naturale grazie alle finestre ad altezza uomo, affacciano sul corridoio, permettendo agli insegnanti di controllare i bambini durante le loro attività.

Wonderforest Nature Preschool Palette Architecture

Giocare, imparare ed educare

In Wonderforest Nature Preschool le aree di gioco comuni invitano i bambini a intraprendere avventure di gruppo stimolanti e multisensoriali. La prima area gioco all’entrata è The Forest, una collina di erba artificiale che ospita altalene, percorsi a ostacoli e alberi sagomati in legno. Proseguendo lungo il corridoio si trova The Greenhouse, una sezione dove i bambini curano e fanno crescere varietà di specie vegetali.

Wonderforest Nature Preschool Palette Architecture
The Wetland

Il percorso, infine, termina con The Wetland, uno spazio ideato appositamente per incoraggiare i più piccoli a immergersi in attività tattili e sensoriali. All’interno sono presenti una falda acquifera a misura di bambino e una cucina di fango.

Scopri la BeneBaby International Academy la scuola per bambini a Futian, Shenzhen, progettata dallo studio VMDPE Design

 


QUADRIFOGLIO GROUP VINCE IL GOOD DESIGN AWARD 2022

La sedia Compasso di Quadrifoglio Group si aggiudica il Good Design Award dal Chicago Athenaeum Museum of Architecture and Design

quadrifoglio group

Quadrifoglio Group vince il Good Design Award nella categoria Furniture con Compasso, la sedia nata dalla creatività di Studio Dorigo Design. Il progetto si è distinto per la peculiare struttura delle gambe posteriori che, con un angolo di 25° compongono un compasso geometrico.

Cos'è il Good Design Award

Il Good Design Award è uno dei premi di design più prestigiosi e riconosciuti al mondo. Giunto alla 72esima edizione, è organizzato ogni anno dal Chicago Athenaeum Museum of Architecture and Design, in collaborazione con il Centro Europeo per l’Architettura, l’Arte, il Design e gli Studi Urbani e con il Metropolitan Arts Press, Ltd. Fondato a Chicago nel 1950 dagli architetti Eero Saarinen, Charles e Ray Eames, Edgar Kaufmann Jr, il Good Design Award premia i prodotti maggiormente innovativi dell'anno in termini di forma, materiali, costruzione, concept, funzione, utilità, sostenibilità ed estetica.

quadrifoglio group

Compasso, la sedia in legno di Quadrifoglio Group

Compasso di Quadrifoglio Group è una sedia dalle forme sinuose e innovative, il cui utilizzo è ideale sia nelle zone living di abitazioni private che in spazi pubblici di ristoranti e hotel. Le sezioni delle gambe anteriori sono triangolari alla base e quadrate nella connessione con il sedile. Le gambe posteriori, sempre a sezione triangolare, invece, sono costituite da un unico pezzo di legno che muta lungo l’altezza. Il legno raggiunge in altezza un'angolatura di 25°, formando la sagoma di un compasso geometrico. Il concetto di variazione si ritrova anche nello schienale, dove il pannello curvato è a spessore differenziato.

Compasso è realizzata in frassino tinta Rovere, Noce, Grigio ombra e Bianco. Il sedile può essere in legno come la base, oppure, imbottito e rivestito con un’ampia selezione di tessuti e pelli.

La qualità del made in Italy trionfa sempre

Risultato di un accurato lavoro di progettazione e ricerca, la prestigiosa menzione testimonia a livello internazionale l’impegno costante di Quadrifoglio Group nel proporre complementi d’arredo capaci di dare valore aggiunto agli ambienti grazie a un design sempre più innovativo e completamente made in Italy.

Dal 31 Marzo, giorno della premiazione ufficiale, Compasso verrà esposta per un anno nella collezione permanente del The Chicago Athenaeum: Museum of Architecture and Design di Atene.

 


imm cologne Spring Edition 2023

Dal 4 al 7 giugno 2023 imm cologne torna con tante novità grazie anche al concept ideato dall'Art Director Dick Spierenburg

La prossima edizione di imm cologne, si terrà dal 4 al 7 giugno 2023, e sarà l’edizione “di primavera”. Un evento solo B2B, con i consumatori finali che potranno entrare solo su invito. La fiera si svolgerà nell'arco di quattro giorni, e l’orientamento sarà prevalentemente rivolto al business.

inn-cologne-2020

imm cologne Spring Edition 2023 sarà dedicata a tutto il settore dell’interior a 360 gradi, per un ritorno della fiera in grande stile. Il clima di giugno, infatti, consentirà di coinvolgere ancora di più la città, per creare un evento di lifestyle.

Scopri i trend da imm cologne 2020 

imm cologne 2020, ad oggi l'ultima edizione in presenza

Come si prospetta il futuro di imm cologne? Intervista all’Art Director di imm cologne 2023 Dick Spierenburg,

Nell'estate del 2022, imm cologne ha intrapreso un viaggio verso il rinnovamento del suo tradizionale marchio fieristico. Perché era importante dal suo punto di vista?

Gli ultimi anni hanno certamente stravolto il mondo e con esso le nostre vite. Sono emerse anche molte cose che erano rimaste nascoste. Per questo motivo siamo costretti a cambiare e a mettere radicalmente in discussione tradizioni vecchie di decenni. Non esiste certamente un solo modo giusto ma, è importante partire subito! Per noi significa procedere passo dopo passo, sperimentare, adattarsi sempre, imparare, andare avanti e non perdere mai di vista l’obiettivo: questo è il percorso che stiamo facendo ora e la Spring Edition è il punto di partenza.

Dove la Spring Edition porrà nuovi accenti?

Nel settore domestico, che è certamente più grande, l’attenzione è più classicamente rivolta al business. Qui la fiera funge da piattaforma per gli ordini. La domanda e l’offerta si incontrano ad un livello internazionale elevato. Nel segmento ‘Pure’, l’attenzione sarà rivolta al design, all’ispirazione e al networking. In questo modo, stiamo ridefinendo il termine business nella sezione ‘Pure’. Oltre ai prodotti, credo sia importante avere altri input e parlare dei temi che sono prevalenti nel nostro settore. Ad esempio, dobbiamo parlare non solo di sostenibilità ma, anche di materiali.

La questione è se abbiamo bisogno di così tanti prodotti nuovi ogni anno o se non possiamo essere più modesti quando si tratta di sviluppare le cose e cambiare il loro aspetto per mantenerle nuove. Dobbiamo quindi discutere i temi che sono importanti per il settore e che considero il compito della nostra fiera. E tutto questo in un arco di tempo molto ridotto.

Per decenni, il cuore di Pure è stato il padiglione 11 - il nuovo concetto di Gallerie non richiede un profondo ripensamento da parte di visitatori ed espositori?

Con il nuovo e creativo concetto di costruzione dello stand, sviluppato esclusivamente per l’edizione di primavera, il cambiamento più visibile avviene sicuramente a terra. Sì, questo è certamente un grande passo per tutti noi ma, se vogliamo plasmare il futuro di imm cologne, la trasformazione deve avvenire sì nei padiglioni ma, soprattutto espositori e visitatori devono essere pronti a questo cambiamento. La Spring Edition offre un enorme potenziale per provare cose nuove e più sperimentali.

Pure Galleries è un concetto compatto e creativo che si adatta perfettamente ai marchi di arredamento con elevate esigenze di brand identity. È un modo molto moderno di presentare i prodotti attuali a gruppi target, ad esempio per il mercato tedesco. COR, KFF, Brühl & Sippold e Signet, rinomate aziende tedesche hanno già scelto questo nuovo concept.

Dal mio punto di vista, il concetto di concentrazione ha senso anche per gli espositori italiani che vogliono introdurre prodotti speciali sul mercato tedesco. Inoltre, il format offre la possibilità di pensare in termini di temi espositivi. Qui potevo immaginare temi come il colore o il materiale o l’interazione tra classici e nuovi design. Nello sviluppare il concetto, mi sono ispirato all’aspetto delle gallerie d’arte o delle fiere d’arte. L’obiettivo è quello di creare un mondo di presentazione di alto livello con spazi di marca minimalisti e personalizzabili.

Pure galleries imm cologne Spring Edition 2023

Oltre al nuovo concetto di padiglione Pure Galleries, anche gli eventi sono parte integrante della "nuova" imm cologne. Cosa c'è già in programma per l'edizione primaverile nell'ambito degli eventi?

Dal mio punto di vista, il carattere di pura presentazione è passato. La Next Generation di imm cologne illuminerà e discuterà i temi dell’abitare, dell’arredamento e di come vivremo in futuro. L’idea di piattaforma è un criterio chiave che caratterizzerà le fiere del futuro. Le piattaforme consentiranno la partecipazione attiva a ciò che accade, metteranno in contatto espositori e visitatori al di là del padiglione, intensificando il dialogo tra le parti. Ecco perché lo Speakers Corner e il Café sono il punto d’incontro posizionato al centro del padiglione 11. Sul palco dello Speakers Corner il pubblico potrà assistere a conferenze, presentazioni e dibattiti su argomenti, innovazioni e sviluppi rilevanti per il settore, per tutta la durata della fiera. Al termine del primo giorno, espositori e visitatori potranno assistere al vernissage nell’area delle Pure Galleries nel padiglione 11. E sempre il primo giorno, in piazza, si terrà un evento all’aperto.

Come continuerà il viaggio nel 2024?

Grazie agli insegnamenti tratti dall’edizione di primavera, espositori e visitatori potranno già guardare con fiducia a imm cologne 2024. Un dato è già certo: l’anno prossimo, la più grande fiera tedesca dell’arredamento tornerà alla data consueta e farà ancora una volta risuonare il nuovo anno dell’arredamento a gennaio. Da domenica 14 a giovedì 18 gennaio 2024, tuttavia, la fiera sarà ridotta a 5 giorni. In questo modo, rispecchieremo al meglio le dinamiche prevalenti all’inizio dell’anno. È stato dimostrato che gennaio è il momento ideale per far incontrare l’industria e il commercio.

Dick Spierenburg, Art Director imm cologne Spring Edition 2023

Courmayeur Design Week-end 2023

Dal 9 al 12 febbraio 2023 torna la Design Week-end di Courmayeur, l'evento che porta architettura e design alla conquista del Monte Bianco

Inizia il conto alla rovescia per la terza edizione di Courmayeur Design Week-end, la manifestazione che dal 9 al 12 febbraio 2023 porterà ai piedi e in vetta al Monte Bianco il meglio del design italiano e internazionale.

A Courmayeur il design come non si è mai visto

L'evento prevede la partecipazione di personaggi illustri del settore, brand di design italiani e stranieri; una serie di installazioni, di mostre e un fitto programma di incontri ed eventi speciali. Per questa terza edizione la cabinovia Dolonne di Courmayeur si trasformerà in una galleria di design sospesa nel vuoto. Le aziende partner dell'evento, infatti, personalizzeranno ogni cabina con prodotti e contenuti virtuali, accessibili tramite QR che racconteranno ognuno la sua storia.

Courmayeur Design Week-endCaccia... al design

Le piste da scii diventeranno, invece, palcoscenico di una divertente caccia al tesoro. Dischi segnaletici a bordo pista apriranno le porte a esperienze in realtà aumentata, sviluppate con la consulenza tecnica della startup D.O.S. Design Open Spaces. Al visitatore basterà inquadrare il QR code riportato su ogni supporto per accedere a Instagram e fotografarsi accanto a prodotti come poltrone, sedie o lampade.

Courmayeur Design Week-end è un evento organizzato dallo Studio Coronel in partnership con Courmayeur Mont Blanc, con il patrocinio di ADI - Associazione per il Disegno Industriale, di Fondazione Altagamma e con la collaborazione di Courmayeur Mont Blanc Funivie e Skyway Monte Bianco. Il tema di quest’anno è verso(la)meta: una scomposizione giocosa del Metaverso che vuole essere un invito a indagare la contemporaneità virtuale senza perdere il contatto con la realtà.

Mostre e installazioni ad alta quota

La quattro giorni sarà arricchita da mostre, dibattiti e installazioni firmate da rinomati studi di architettura. Le vetrine delle boutique del centro di Courmayeur ospiteranno una selezione di oggetti di design scelti dall’architetto Giulio Cappellini, Compasso d’Oro alla Carriera nel 2022, in collaborazione con l’architetto e designer Ilaria Marelli. Le installazioni, invece, sono frutto del lavoro di 5 importanti studi di architettura: 967arch, GBPA Architects, Giuseppe Tortato Architetti, Park Associati & Piuarch e Progetto CMR.

Courmayeur Design Week-end

Uno spazio sarà dedicato anche alla fotografia, grazie alla collaborazione con Fondazione 3M che, dopo Parigi e Milano, porterà a Courmayeur la mostra collettiva ‘Il rigore dello sguardo", con opere in bianconero e a colori di artisti di epoche diverse, tra i quali Gabriele Basilico, Gianni Berengo Gardin, Piergiorgio Branzi e Franco Fontana.

Conferenze, incontri e dibattiti

Relatore di questa terza edizione di Courmayeur Design Week-end sarà l’architetto Piero Lissoni, protagonista, dopo Michele De Lucchi nel 2020 e Carlo Ratti nel 2022, della conferenza ‘on top’ in programma in vetta a Skyway Monte Bianco venerdì 10 febbraio alle ore 18.30. Design TED, l'incontro dedicato ad appassionati e addetti ai lavori con Giorgio Tartaro, si terrà invece giovedì 9 febbraio, dalle ore 17.30. Sabato 11, infine, si terrà il talk "Architetti a confronto", un momento di incontro e di dialogo tra i progettisti che hanno firmato le installazioni di questa nuova edizione di Courmayeur Design Week-end.

Gara di scii tra architetti e designer

E se la caratteristica principale di Courmayeur Design Week-end resta la capacità di creare e alimentare relazioni, non mancheranno momenti goliardici e di divertimento. Uno su tutti, la tradizionale skiCAD, gara di sci e snowboard per architetti, designer, giornalisti e aziende del settore. L’appuntamento è venerdì alle ore 10.00 a Plan Checrouit. I premi in palio sono messi gentilmente a disposizione dalle aziende di design partecipanti, i trofei (da collezione) portano quest’anno la firma di Progetto CMR.

Brand partner della Courmayeur Design Week-end 2023

Tra le aziende partner dell’evento ci sono marchi storici del design italiano e internazionale, ma anche realtà più giovani e startup: 3M, Alessi, ALPI, Boffi|De Padova, Cardex; Catelier, Deles Group, Delta Light, Dixpari; Dolomitisch, Eco Contract, Jannelli&Volpi, JANUS et Cie, Kartell. Kindof, Les Bois du Mont Blanc, Signature Kitchen Suite, Living Divani, Lualdi, MillerKnoll. E ancora Poltrona Frau, Slalom Acoustic & partition systems, Steeles, Vetreria Re e WOOD—SKIN.

Leggi La nuova sede di Progetto CMR, un esempio di architettura sostenibile


Fiandre Architectural Surfaces- graniti maximum

Le superfici in 3D di Fiandre Architectural Surfaces

Fiandre Architectural Surfaces presenta Graniti Maximum: lastre tridimensionali in granito per soluzioni decorative di alto pregio dal forte impatto visivo

Fiandre Architectural Surfaces- graniti maximum
Graniti Maximum Alaska White

Fiandre Architectural Surfaces presenta Graniti Maximum, una collezione di lastre in granito, disponibile nelle finiture: prelucidata, lappata e glint. La collezione è frutto di un complesso percorso di ricerca e sviluppo condotto da Iris Ceramica Group, di cui Fiandre Architectural Surfaces fa parte, che ha portato alla realizzazione di una superficie decorativa tridimensionale dal forte impatto visivo.

Le lastre in 3D di Fiandre Architectural Surfaces

Le tre finiture di Graniti Maximum offrono percezioni multi sensoriali dal forte senso estetico. Nella finitura prelucidata, la lastra assume un aspetto opaco e naturale. In quella lappata, invece, l'aspetto lucido-opaco è brillante ed elegante. Nella finitura glint, infine, la lastra è caratterizzata da punti luce e pigmenti luminosi che, distribuiti in modo uniforme, danno vita a superfici dinamiche dalla bellezza intensa e audace.

MAximum Graniti Fiandre Archtiectural Surfaces

Graniti Maximum Celeste Aran

Colori e finiture

La nuova collezione Graniti Maximum, di Fiandre Architectural Surfaces, presenta quattro superfici le cui peculiarità estetiche derivano dalla combinazione di grani e cristalli sapientemente lavorati. Ogni superficie è prodotta rivisitando aspetti e colori della natura attraverso tecnologie produttive all’avanguardia. Le texture di Graniti Maximum disponibili sono: Alaska White Maximum, Celeste Aran Maximum, Labradorite Maximum e Deep Norway Maximum.

Fiandre Architectural Surfaces- graniti maximum
Maximum Graniti Labradorite Maximum

Formati e declinazioni

Progettata per valorizzare le idee di architetti e progettisti, la collezione Graniti Maximum propone il formato grande 300x150 cm e diversi sotto-formati. La versatilità di questo prodotto permette di rivestire qualsiasi tipo di superficie: dalle facciate alle pareti, fino ai pavimenti. Il granito, inoltre, garantisce prestazioni come durevolezza, resistenza meccanica agli attacchi chimici e all’assorbimento e facilità di pulizia. Lo spessore di soli 6 mm permette, inoltre, di utilizzare le lastre come parte integrante di elementi di arredo, rivestendo tavoli, quinte divisorie, mobili, porte, soffitti, pareti retroilluminate, sedute e complementi per il bagno.

Maximum Graniti Deep Norway Maximum

Le collezioni Maximum di Fiandre Architectural Surfaces all'insegna della sostenibilità

Nelle collezioni Maximum la ricerca del bello viaggia di pari passo con la tutela dell’ambiente e la promozione del benessere. Oltre a ridurre sensibilmente l’uso di materie prime e il consumo di energia in virtù del loro spessore ridotto, le superfici MAXIMUM contengono infatti una percentuale di materiale riciclato superiore al 40% in peso, in accordo alla norma ISO 14021, garantendo quindi i più alti punteggi secondo il sistema LEED& BREEAM. Le superfici Maximum detengono infine le certificazioni GREENGUARD e GREENGUARD GOLD e sono incluse nella EPD (Environmental Product Declaration). L'EPD basa l’analisi del ciclo di vita del prodotto secondo le norme UNI EN15804 e ISO 14025 e il metodo “from cradle to grave”.


Milano è pronta a ospitare HOMI 2023

Milano è pronta a ospitare HOMI 2023, il salone che offre idee, novità e ispirazioni per arredare e decorare la casa

HOMI 2023
Collezione Cottage, rifinita a mano con smalti reattivi per un effetto vintage. Design by Weissestal

Dal 26 al 29 gennaio in Fieramilano si terrà HOMI 2023, la manifestazione dedicata all'ambiente domestico, che accende i riflettori su oggetti e complementi del vivere quotidiano. Tante le nuove idee, le suggestioni e le tendenze che la manifestazione proporrà ai suoi visitatori. L’offerta, ampia e diversificata di HOMI, includerà anche quest'anno decorazioni e complementi d’arredo, accessori per la tavola e per la cucina; tessili e fragranze per la casa, e oggettistica da regalo.

A HOMI 2023, oggetti e prodotti per la casa innovativi e tecnologici

HOMI mostra l'evoluzione della casa moderna, sempre più dedicata alla sostenibilità e all'artigianato creativo di qualità. Anche per questa nuova edizione, brand internazionali, start up e giovani designer proporranno oggetti e prodotti per la casa pensati per migliorare l'esperienza domestica.

HOMI 2023
Tappeto sostenibile della collezione MOON. Design DE DIMORA

I protagonisti di HOMI 2023

Tra le aziende partecipanti troviamo De Dimora con tappetti e tessili ecosostenibili di alta qualità; BIANCOPERLA, che propone articoli per letto, bagno e tavola realizzati su misura. Per il mondo della tavola, invece, Taitù Milano presenta i suoi famosi “mix&match”, dagli inediti accostamenti di disegni e colori. E Weissestal, frutto di una continua ricerca di artigianalità negli oggetti di uso quotidiano.

A seguire Cereria Molla, Charlottina Design ® , Dafne, Baci Milano, Blueside design; Chiara Firenze, Dessenze, Easy life design, Evviva Company, Eutahlia Fragrances; Italscent, Livellara,  Schoenhuber , Thun, Uno casa design, Villa d’Este. E tanti altri ancora.

HOMI 2023
Charlottina Design

Talk, workshop e installazioni all'insegna della sostenibilità

HOMI 2023, dunque, offrirà una visione ampia e dettagliata della casa di oggi offrendo nuove idee di arredo e di decoro attraverso un'analisi dei trend di settore. Tra le novità di quest’anno troveremo anche A Vista D’uomo e Skyline, due insolite e monumentali installazioni che sotto le sagome di simboli milanesi di ieri e di oggi, come il Duomo e i moderni grattacieli, ospiteranno pezzi d'arredo e home decor, proposti in chiave innovativa.

Installazione Skyline HOMI 2023

Un concept che segue il filo conduttore di HOMI che da sempre unisce Made in Italy, creatività e sostenibilità.  Entrambe le installazioni sono state realizzate utilizzando materiali di recupero e riciclo forniti da alcune aziende tessili italiane. Sono stati impiegati oltre 200.000 metri di cimosse e nastri tessili che, grazie all'intervento manuale di artigiani, tappezzieri e allestitori italiani, hanno dato forma a queste imponenti sagome che rappresentano anche la centralità di Milano.

Infine, accanto all’ampia offerta di idee e tendenze, HOMI 2023 presenterà un calendario di workshop e talk dedicati ai principali temi di interesse per gli operatori del settore. Scopri il programma qui.

Scopri HOMI Independent, edizione di settembre 2022

Lifestyle collection. Design Taitù Milano


Fish Tail Park, il parco galleggiante di Nanchang

A Nanchang, in Cina, Turenscape progetta Fish Tail Park, il primo parco galleggiante al mondo

Fish Tale Park Turenscape

Turenscape ha progettato a Nanchang, in Cina, il Fish Tail Park, il primo parco al mondo a galleggiare sull’acqua. Il parco si trova all’interno della pianura alluvionale del fiume Azzurro, il più lungo e il più pericoloso della Cina per via delle sue piene. Fish Tail Park conferisce una nuova identità al New District di Nanchang, un’area della città oggi in stato di riqualificazione. Il parco ospita una fauna selvatica in grado di sopravvivere all’umidità e alle alluvioni causate dalle forti piogge monsoniche tipiche del luogo. Fish Tail Park regola il flusso dell’acqua piovana, offrendo al tempo stesso ai residenti, nuovi punti di incontro e di svago a contatto con la natura.

Fish Tail Park: la natura in città

Il nuovo parco di Turenscape è un’architettura urbana pensata più per la natura che per l’uomo. Infatti, risponde alle sue leggi adattandosi e modificando le sue funzioni a seconda delle condizioni metereologiche. Quando il fiume è in piena alcune zone del parco vengono sommerse completamente dall’acqua, diventando irraggiungibili.

FIsh Tale park Turenscape

Fish Tail Park si compone di una serie di isole artificiali di varie dimensioni, alcune delle quali collegate tra loro da passerelle in alluminio, resistenti alle inondazioni. Per la realizzazione degli isolotti lo studio si è ispirato alle antiche chinampa del Mesoamerica: piccole aree di terra fertile realizzate artificialmente in mezzo ai laghi unendo fango, sedimenti e vegetazione in decomposizione.

Una nuova meta di svago a Nanchang

Fish Tail Park ospita parchi giochi, spiagge, fontane e piste ciclabili. Ponti, piattaforme e torri panoramiche che offrono percorsi suggestivi immersi nella natura più selvaggia. Il design contemporaneo del parco contribuisce a infondere all’antica città un senso di cambiamento e nuova modernità. La lamiera forata di alluminio, il materiale principale utilizzato per le strutture installate nel parco, crea infatti un contrasto sorprendente con l’ambiente naturale circostante. All’ingresso principale del parco si trova infine una caffetteria collegata ad un cavalcavia che unisce il Fish Tail Park al vicino Aixi Lake Park.

Leggi In Cina, la biblioteca Pingtan Book House omaggia l’antica etnia Dong

 


Depot Boijmans van Beuningen

Renilde, il nuovo ristorante scomponibile di Rotterdam

A Rotterdam, Concrete progetta Renilde il nuovo ristorante del Depot Boijmans van Beuningen, il primo deposito d'arte al mondo aperto al pubblico

Museo Boijmans van Beuningen

A Rotterdam, lo studio di architettura Concrete con sede ad Amsterdam progetta Renilde, un ristorante che sorge sul tetto del Depot Boijmans van Beuningen, il deposito d’arte del Museo Boijmans van Beuningen, una delle istituzioni artistiche più importanti della città.

Renilde: un ristorante e due funzioni

Il nuovo ristornante progettato da Concrete per il Depot Boijmans van Beuningen può trasformarsi in un ampio spazio per eventi di vario genere. L’edificio sorge sul tetto del deposito d'arte Boijmans van Beuningen, il primo al mondo ad essere aperto anche al pubblico. La struttura è circondata da vetrate a tutta altezza, che garantiscono spazi ben illuminati, e sono utili per il ricircolo dell'aria. All’interno lunghi tavoli di legno e sedie colorate arredano armoniosamente gli spazi. La presenza di vetrate cielo-terra, inoltre, elimina i confini con l'esterno rendendo costante il contatto visivo con il giardino pensile e la terrazza esterna.

Depot Boijmans van Beuningen

Renilde è un ristorante che respira e che al bisogno modifica la sua natura e, quindi, le sue funzionalità. In occasione di eventi, infatti, i tavoli del ristorante possono chiudersi e unirsi ai pannelli di legno presenti su soffitto e pavimento, dando vita a cornici decorative che lasciano libero spazio al centro.

Una cucina stellata

Lo chef Jim de Jong, premiato per due anni con il Gouden Pollepel, il mestolo d'oro olandese, è stato nominato "Young Top Chef of the Year" nei Paesi Bassi, dalla guida di ristoranti Gault&Millau. Verdure, erbe e fiori di stagione giocano un ruolo da protagonisti nella sua cucina. I vini serviti al Renilde sono tutti di ottima qualità e di provenienza locale.

Depot Boijmans van Beuningen

Coert un nuovo spazio multifunzionale per il Depot Boijmans van Beuningen

Sul tetto del Depot Boijmans van Beuningen Concrete ha progettato anche Coert, uno spazio ibrido dove è possibile organizzare eventi fino a 170 persone.

Dal design dinamico e versatile Coert è dotato ai lati di grandi porte basculanti in legno, e in centro, da un volume in acciaio inox che può fungere sia da bar che da guardaroba per gli ospiti.

Foto wouter van der sar

Leggi Cristina Celestino ridisegna il ristorante 28 posti a Milano

https://vimeo.com/641455176?embedded=true&source=vimeo_logo&owner=399242


I 10 post di design più letti del 2022

Tra i 10 post di design più letti del 2022, Vincent Van Duysen x Zara Home, i trend dal Salone del Mobile e da Cersaie, e Aldo Rossi-Design 1960-1997

1) Il post di design più letto è quello dedicato alla collezione Vincent Van Duysen x Zara Home

2) Il secondo post più letto del 2022, è il post dedicato ai trend dal Salone Internazionale del Bagno

Struttura modulare per arredo bagno Tuby, di Arter&Citton per Arblu

3) Al terzo posto, il post dedicato a Eurocucina e FTK

Cucina a libera installazione 90 cm Serie Professional Bertazzoni PRO95I1ECAT

4) Quarto tra i post più letti, il post dedicato ai trend per divani e poltrone, dal Salone del Mobile.Milano 2022

Divano Fandango, di Rugiano

5) Il quinto post più letto del 2022, nella sezione Design, è dedicato alla mostra Aldo Rossi Design 1960-1997, che si è tenuta al Museo del Novecento, a Milano

Tra i post più letti della sezione Design, i trend nella ceramica da rivestimento, da Cersaie 2022

6) Al sesto posto, il post dedicato al progetto per il Salone del Mobile 2023

SaloneSatellite, foto Ludovica Mangini, courtesy Salone del Mobile.MiIano

7) Settimo è il post dedicato alle opere di Lasvit, durante la Milano Design Week 2022

Sanctums, allestimento di Lasvit

8) L'ottavo posto è del post dedicato ai trend nella ceramica da rivestimento a Cersaie 2022, e nel marmo, da Marmomac 2022

Collezione di ceramica Black&White, di Seletti 4 Ceramica Bardelli

9) Al nono posto, l'intervista a Daan Roosegaarde, designer visionario olandese

L’installazione Grow, in un campo di porri a nord dell’Olanda. Il campo viene illuminato da luci a led rosse e blu, che abbelliscono il campo e favoriscono la crescita delle piante senza potenziamenti chimici.

Guarda l'installazione GROW su Youtube

10) Il decimo post più letto relativo al design, è il post dedicato a Brera Design District, e al Fuorisalone

Scopri il libro sulla Storia del Fuorisalone

Porsche, The Art of Dreams, Fuorisalone 2022