Emiliano Ponzi illustra i 60 anni del Salone del Mobile.Milano

Dalla matita del pluripremiato illustratore italiano nascono sei manifesti che celebrano l’anniversario della Manifestazione

Dopo illustri predecessori come Massimo Vignelli, Pierluigi Cerri, Guido Scarabottolo e Lorenzo Marini, è ora la volta di Emiliano Ponzi. Uno degli illustratori italiani oggi più apprezzati e premiati a livello internazionale, ha infatti realizzato l’immagine della campagna di comunicazione per la sessantesima edizione del Salone del Mobile.Milano, che cade nel 2022.

Scopri il Salone del Mobile.Milano 2022

L’artista, celebre per il suo tratto essenziale e preciso e per le sue atmosfere quasi metafisiche, ha ricevuto l’incarico di creare sei manifesti, uno per ciascun decennio di storia della Manifestazione. I manifesti dovevano illustrare il legame del Salone con la città e con l’evoluzione del design. Grazie all'inconfondibile firma dell'artista, il risultato è una narrazione contemporanea, che esprime come il Salone sia sempre stato molto più di una semplice fiera, rendendo così Milano indiscussa capitale del design nel mondo. Emiliano Ponzi ha scelto di celebrare e trasmettere una riflessione sul Salone attraverso un clima emotivo. Esplorando i riti e i costumi che hanno definito l’identità dell’Italia e di Milano dal 1961 ai giorni nostri, ne escono illustrazioni evocative, che riassumono epoche in pochi tratti.

Scopri Eurocucina 2022

60 anni salone del mobile
Il manifesto per i 60 anni del Salone del Mobile.Milano: gli anni Sessanta

I sei manifesti per i 60 anni del Salone del Mobile.Milano 2022

Così, il primo manifesto rappresenta un interno della Milano degli anni ‘60, il secondo ritrae la città operaia degli anni ’70; il terzo ci propone la Milano da bere, quella della moda e del design degli anni ’80; per gli anni ’90, l’illustratore si è lasciato ispirare dal Teatro alla Scala e dal suo rapporto con il Salone; per il primo decennio del 2000, invece, si è concentrato sui nuovi spazi di Fiera Milano a Rho, progettatida Massimiliano Fuksas. L’ultimo manifesto riflette sul presente e apre al futuro, focalizzandosi sul concetto di sostenibilità, oggi una delle priorità della Manifestazione.

60 anni salone del mobile
I manifesti per i 60 anni del Salone del Mobile.Milano: gli anni Settanta

L’operazione di Emiliano Ponzi è riuscita a individuare gli elementi più rappresentativi della città e del suo rapporto con il Salone. Al tempo stesso, però, ha mantenuto  un approccio e una visione trasversali, capaci di esprimere al meglio le contaminazioni insite in questo rapporto.

60 anni salone del mobile
I manifesti per i 60 anni del Salone del Mobile.Milano: gli anni Ottanta

Un elemento di rottura rispetto alla comunicazione tradizionale del Salone del Mobile, è l’aggiunta di un nuovo livello di interazione tra l’illustrazione e l’audience, grazie all’uso della realtà aumentata. In collaborazione con Alkanoids, studio creativo milanese specializzato in animazione 2D/3D e regia, all’immagine è stata aggiunta una nuova dimensione digitale. Così, inquadrando il QR code presente in ogni manifesto, le illustrazioni si animeranno, uscendo da una dimensione statica e piatta. In ogni tavola, uno o più elementi prenderanno vita, per emozionare ancora di più lo spettatore.


DDN HUB 2022

Dal 6 al 12 giugno 2022, al Fuorisalone, torna DDN HUB in Piazza del Cannone, nel Castello Sforzesco. Anche la sesta edizione promuove tecnologia e sostenibilità

L'allestimento comprende una struttura coperta, completa di un'area lounge, Faemina; un'area showcooking, con la partecipazione di Siemens, e una di co-working, con la partecipazione di Tonucci e Luce5. Luce5, in particolare, offrirà concreti esempi di come la luce possa essere poetica, illuminando tutti gli spazi di DDN HUB. Nella struttura coperta, professionisti provenienti da diverse discipline proporranno idee e tecniche innovative, nel campo del design eco-compatibile. DDN HUB 2022 sarà un susseguirsi di esposizioni di design e d'arte, di tavole rotonde e performance, sui diversi temi del benessere, sia dell’uomo, sia dell'ambiente.

Scopri DDN HUB 2021

ddn hub 2022
DDN HUB 2021

All'esterno, una mostra di prodotti di arredamento per esterni, Outdoor vision, ospiterà una terrazza adibita ad area relax e diverse installazioni. Le installazioni rappresentano l'equilibrio tra sostenibilità e tecnologia; tra gli architetti che si cimenteranno con diversi progetti, possiamo citare Bertone Design con Furla, Isinnova con Brix, un sistema costruttivo, e Progetto CMR, con Rocktecture.

Scopri e acquista il libro sulla Storia del Fuorisalone

ddn hub 2022
DDN HUB 2021

Il Metaverso e gli NFT

Per tutta la durata dell’evento, Tecnovision e Cryptonomist, con Amelia Tommasicchio, organizzaranno una mostra di NFT. I visitatori potranno avvicinarsi alla realtà digitale immersiva, grazie anche ai talk con esperti di NFT, blockchain e Metaverso. Anche l'evento DDN HUB sarà nel Metaverso, con The Nemesis, e chiunque nel mondo potrà accedervi.

La mascotte dell'evento, Konny, ideata dall’architetto e direttore artistico di DDN HUB 2022 Fabio Rotella, rappresenta l'unione dell’aspetto biofilico e di quello tecnologico, sia nel reale sia nel digitale. Konny accompagnerà i visitatori in un viaggio in una dimensione onirica, per riflettere sui diversi temi complessi dell'attualità - modernità, sostenibilità - e sulle possibilità che ci offre la tecnologia.

DDN HUB offrirà quindi, sia a professionisti di settore che a un pubblico più ampio, importanti spunti di riflessione sullo stato dell'arte nel progetto, nella tecnologia e nella sostenibilità. La splendida location, nel Parco Sempione, all'interno del Castello Sforzesco, incoraggerà la ricerca di armonia nella natura.

ddn hub 2022
DDN HUB 2021

L'ospitalità di DDN HUB

Tra gli eventi speciali della settimana, la serata del 9 giugno, dedicata al lusso gentile, con la presenza dello chef Roberto Balgisi, di Massimiliano Scotti, miglior gelatiere d'Europa e di Paolo Moccia, campione mondiale della pizza, e la serata di gala del 10 giugno, il primo red carpet del design ideato da DDN, in collaborazione con Eurotoques e gli chef stellati Enrico Derflingher, Tommaso Arrigoni e Gianni Tarabini.

DDN HUB 2021

Roca gallery-arredo bagno

Roca galleries: arredo bagno innovativo e sostenibile

Le Roca galleries, gli spazi espositivi di Roca, ospitano eventi culturali che raccontano un arredo bagno all'insegna dell'innovazione e della sostenibilità

Roca gallery-arredo bagno
Il Roca gallery di Barcellona

In questi anni, Roca, azienda spagnola leader nel settore dell’arredo bagno, ha aperto a Londra, Barcellona, Madrid, Shanghai e Pechino, le Roca galleries. Spazi espositivi pensati dall'azienda per raccontare e promuovere la sua visione innovativa e avanzata. Da anni, il brand, infatti, si impegna a realizzare prodotti e sistemi di alta qualità, per un arredo bagno all'insegna dell'innovazione e della sostenibilità.

ROca-gallery-arredo bagno

Le Roca galleries inoltre, ospitano in continuazione numerose mostre, che presentano le ultime novità del brand. Ma non solo. Ogni sede, infatti, è anche un punto d'incontro e di ricerca per i professionisti del settore e gli appassionati di design in cerca di informazioni sulle ultime tendenze del settore, e su quello che sarà l'ambiente bagno del futuro.

 

Scopri Designtech, l’Hub di innovazione tecnologica nel settore del design che ha aperto nel nuovo Milano Innovation District


Fuorisalone 2022: la zona centro

Un ritorno in grande per il Fuorisalone 2022 in zona centro, con molti eventi e mostre

Il centro di Milano, come sempre, ospita moltissimi eventi, che vanno dalle mostre nelle case-museo alle presentazioni negli showroom, agli allestimenti speciali. Uno degli eventi clou di via Durini è presso Natuzzi, che presenta uno showroom completamente rinnovato, con progetto di Fabio Novembre, e diversi nuovi prodotti.

Le case-museo ospitano il design

La casa-museo Poldi Pezzoli, per esempio, ospita la mostra "871 days, 50 products, 17 designers and 1 single color. A temporary exhibition conceived by Luca Nichetto”, che presenta il lavoro de La Manufacture. Gli oggetti in mostra sono tutti  di colore arancione, il colore delle pettorine che si indossano sui cantieri. La mostra, dunque, rappresenta una cantiere dinamico e in continua trasformazione.

Scopri e acquista il libro sulla Storia del Fuorisalone

fuorisalone 2022 zona centro
La Manufacture, al museo Poldi Pezzoli

Palazzo Bagatti-Valsecchi, invece, è la sede del “Palazzo delle Meraviglie”. Il progetto, a cura di Katrin Herden, torna al Fuorisalone per la terza edizione. Nel 2022, il Palazzo ospita Barn In The City, studio di Amsterdam, guidato da Nancy Torreele con il collaboratore Martijn Van Rijn. 

Higlights al Fuorisalone 2022

fuorisalone 2022 zona centro
Palazzo Bagatti Valsecchi

Dalla Romania, arriva Eduard Locota, artista, e dal Portogallo, lo studio Hommes, del designer portoghese Micael Carvalho. Il maker Jake Szymanski arriva da New York, mentre Perennials e Sutherland presenteranno la collezione Frank, di Vincent Van Duysen. Infine, la stessa Katrin Herden parteciperò, con i cuscini decorativi di Sohil, il suo atelier milanese.

fuorisalone 2022 zona centro
Perennials a Palazzo Bagatti Valsecchi

Tom Dixon verrà a Milano a celebrare i vent’anni del suo brand, con una mostra dei suoi pezzi più iconici a Palazzo Serbelloni.

fuorisalone 2022 zona centro
Palazzo Serbelloni

Al Salotto di Milano, in corso Venezia 7, Simone Guidarelli presenta la sua interpretazione della bellezza dell’interior design. La mostra “Les Jardins Imaginaires” coinvolge diverse aziende, tra cui  Officinarkitettura e Matrix International, Melogranoblu, Bedding Atelier, DSV Carpets e Antica Fabbrica Passamanerie Massia Vittorio 1843, in un’installazione immersiva.

zona centro fuorisalone 2022
Les Jardins Imaginaires, di Simone Guidarelli

Icone del design e progetti duraturi

Design Variations, la collettiva a cura di Mosca Partners, quest’anno lascia Palazzo Litta e si distribuisce tra due location prestigiose in centro. Il Circolo Filologico Milanese, in via Clerici 10, tra gli altri, ospita un progetto di Marialaura Rossiello Irvine, il Caffè del Circolo, un progetto permanente, che andrà oltre la Milano Design Week.

zona centro fuorisalone 2022
Il Circolo del Caffè, di Marialaura Rossiello Irvine, al Circolo Filologico, in via Clerici 10

Palazzo Visconti, invece, l’altra sede di Design Variations 2022, ospita diversi progetti, tra cui TURN ON, TUNE IN, DROP BY... with Superonda by Archizoom Associati. Per l’occasione, il divano Superonda veste un nuovo tessuto, Terrazzo, disegnato da Laura Bethan Wood, e accompagna la poltrona Plasma, di Nigel Coates, e lo specchio Ultrafragola, di Ettore Sottsass jr.

Higlights al Fuorisalone 2022

zona centro fuorisalone 2022
Il divano Superonda con il tessuto Terrazzo, di Laura Bethan Wood

Campari Soda e Alessi presentano due oggetti iconici, progettati da Giulio Iacchetti. Cirifletto, il primo specchio di Alessi, e Senzabuio, la lampada per l’aperitivo serale, saranno presentati nello showroom Alessi di via Manzoni 14/16. Gli oggetti saranno in vendita on line e, dall’autunno, nello showroom Mohd di via Turati.

Cirifletto e Senzabuio, di Giulio Iacchetti per Alessi con Campari Soda

Lo showroom Jacob Cohen presenta una versione denim della sedia Neil, progettata da Jean Marie Massaud. La nuova versione, Neil Denim, conserva le linee pulite ed essenziali, ma assume una veste più contemporanea, grazie al rivestimento di Jacob Cohen.

La sedia Neil Denim, di Jean Marie Massaud per MDF Italia, rivestita da Jacob Cohen

La zona centro ospita anche un nuovo concept per la toilette pubblica. THE TOKYO TOILET (TTT), è un progetto che unisce design e ospitalità giapponese per creare un nuovo concetto di toilette pubblica. Durante il Fuorisalone 2022, The Tokyo Toilet arriva a Milano con una mostra alla Triennale e un'installazione presso lo store UNIQLO. Inoltre, The Tokyo Toilet e l’artista Daido Moriyama offriranno una nuova intepretazione dei bagni pubblici della fermata del metrò Duomo.

The Tokyo Toilet

A MIND - Milano Innovation District, debutta Designtech

L’Hub di innovazione tecnologica nel settore del design, dell’arredo e delle costruzioni apre la prima sede a Milano Innovation District

Dopo oltre due anni di lavoro e ricerca, Designtech, l’Hub di innovazione tecnologica nel settore del design apre la propria sede a MIND - Milano Innovation District, nell’area dell’ex-Expo. Obiettivo di Designtech è avvicinare le imprese alle startup innovative, per progettare soluzioni capaci di migliorare e rivoluzionare il modo in cui viviamo. Designtech, dunque, svolge un ruolo di sintesi tra design e innovazione tecnologica. La sua, quindi, vuole essere una funzione di ponte tra le imprese, che hanno reso il design un settore economico centrale per l’economia italiana, e la nuova generazione di imprenditori digitali e creativi.

Scopri la Call4Design HiHack

designtech-mind-milano.jpg
Dettaglio della facciata del Village Pavilion, foto courtesy MIND

Designtech è nato per iniziativa di Ivan Tallarico, fondatore e CEO di Hi-Interiors, e di un gruppo di imprenditori e professionisti con esperienze complementari nel campo dell’industrial design, dell’automotive, della nautica, dell’hospitality, del fashion e dei media. Il suo fine è di affiancare principalmente le aziende che operano nei settori dell’arredo, delle costruzioni, dell’architettura e del real estate. Le infrastrutture che compongono l’hub sono progettate, costruite e gestite direttamente da Designtech come living lab, per favorire dinamiche di open innovation, startup acceleration, venture building, rapid prototyping e testing di nuovi prodotti e servizi, nei settori di riferimento citati.

Scopri il letto super-accessoriato e tecnologico Hi-Bed, di Hi-Interiors

designtech-mind-milano.jpg
Reception a Designtech

Designtech a MIND-Milano offre servizi di co-working, co-factory e co-living

Tra i servizi che offre Designtech possiamo citare gli spazi di coworking, con annesso showroom, co-factory e co-living. Questi spazi offrono alle aziende opportunità concrete di sperimentazione di soluzioni inedite in un ambiente reale.

designtech-mind-milano.jpg
Una sala riunioni al primo piano

Designtech inaugura la sua prima sede flagship nel MIND. Qui, all’interno del Village Pavilion, offre diversi spazi e servizi di innovazione dedicati alla community, che comprende startup, aziende e professionisti dell’industria del design.

Una sala riunioni a Designtech

Il primo spazio di co-working, con annesso spazio eventi e food experience lounge, deriva dalla collaborazione con Lombardini22, in qualità di design partner, e con il developer dell’area, Lendlease.

Vedi l'Archispritz con Alessandro Adamo, di Lombardini22 

Food experience lounge, in collaborazione con Lomdardini22, foto Andrea Martiradonna, courtesy Lombardini22

Oltre allo spazio di co-working in MIND, sono attualmente in fase di progettazione altri spazi di coworking, spazi di cofactory e di coliving. Un secondo spazio, progettato da Pininfarina Design, si trova a metà strada tra il MIND e City Life. Qui, nel cuore del Certosa District, un’ex-area industriale nel masterplan di rigenerazione dell’area ex-Koelliker, diventerà un nuovo hub. Si tratta di una fabbrica urbana aperta, dove convivranno spazi per le attività di prototipazione e fabbricazione digitale, e spazi uffici per ospitare startup, designer auto-produttori e maker. [Foto in evidenza Andrea Martiradonna, courtesy Lombardini22]

Spazio per l'attesa in collaborazione con Lombardini22, foto Andrea Martiradonna, courtesy Lombardini22

Le pareti dell'area living: il sistema Wallover di Caccaro

Wallover di Caccaro: le soluzioni per TV e area living

Il sistema di contenitori Wallover di Caccaro è la soluzione perfetta per arredare le pareti; il taglio architetturale consente di comporre liberamente dimensioni, materiali e colori. Ma Wallover non è solo un elemento di arredo: grazie alle infinite possibilità di organizzazione degli spazi interni, le pareti Wallover consentono di avere tutto sempre in perfetto ordine, celato dietro ante e colonne.

Wallover può assumere infinite configurazioni, per creare pareti personalizzate dalla forte identità progettuale. Le configurazioni a cui possono dar vita gli elementi del sistema sono davvero tante; da pilastri bifacciali a tutt’altezza, collocati anche in centro stanza, a pareti attrezzate con TV; da soluzioni che reinterpretano il concetto di madia tradizionale a librerie; infine, da contenitori per la zona notte a composizioni funzionali per l’ingresso.

La vasta gamma di attrezzature interne di Wallover consente di creare una composizione che si adatta perfettamente alle funzioni che deve svolgere, e ai mood degli ambienti che deve arredare. L’illuminazione interna ai moduli e sulle schiene rappresenta un’evoluzione del sistema Freedhome; il risultato è una parete “viva”, che arreda elegantemente con giochi di luci e ombre.

Scopri tutte le configurazioni del sistema Wallover e le sue sculture per contenere

Wallover per la zona living

Progettato da Monica Graffeo, nuova art director di Caccaro, Wallover ha messo a punto diverse soluzioni, che consentono di arredare e rispondere alle diverse funzioni dello spazio living. La zona giorno, oggi, oltre alle consuete funzioni di convivialità, in genere ospita TV sempre più tecnologiche e ingombranti, con sistemi audio che richiedono impianti anche molto sofisticati. Reinterpretare in una chiave contemporanea gli schermi sempre più grandi e i supporti collegati (soundbar, console, decoder), è uno degli obiettivi del sistema di contenitori modulari Wallover.

Una Cornice per la TV

L'elemento Cornice, per esempio, circonda la TV e disegna un quadro, da personalizzare con le finiture più nobili del sistema. Kera, formata da sottili lastre di grès porcellanato che riproducono la naturalità del marmo, e Oxid, un innovativo ciclo di laccatura che riproduce l'effetto nuvolato del metallo e le essenze, sono tra le finiture di Cornice, per soggiorni sofisticati e rispettosi dell’ambiente.

Scopri tutto sul sistema Wallover di Caccaro

Caccaro Wallover Cornice

Il modulo Cornice è disponibile in varie dimensioni, per accogliere TV da 55 a 75 pollici. Le giunzioni a 45° e i sottili spessori della struttura confermano l’attenzione al dettaglio di Caccaro. Il modulo prevede uno spazio tecnico posteriore di 4 cm circa, che consente il passaggio di cavi e svincola la composizione dalla posizione delle prese elettriche. In questo modo, la TV diventa un semplice quadro, o una finestra, senza nessun cavo o presa visibili. Sulla Cornice è possibile installare una schiena led rifinita a 45°, che esalta la finitura del modulo e agevola la visione della TV. Accensione, spegnimento e intensità della luce dello schienale led si regolano con un telecomando; la Cornice TV si può integrare con gli atri moduli del sistema, per avere molte e diverse configurazioni.

Caccaro Wallover Cornice

La Boiserie per pareti classiche reinterpretate con gusto contemporaneo

Boiserie è un altro dei sette moduli di Wallover, che crea un inserto prezioso sulla parete, su cui è possibile appendere TV, anche di dimensioni generose. Le finiture possono essere laccate in tutti i colori della palette Caccaro, nelle tre essenze Eucalipto, Noce e Rovere, oppure in Kera o Oxid. Un sistema di aggancio semplice consente di unire diversi pannelli Boiserie, per avere sempre le dimensioni desiderate.

Scopri tutto sul sistema Wallover di Caccaro

Caccaro Wallover Boiserie

Anche questo elemento prevede uno spazio tecnico posteriore di 4 cm, studiato per gestire in modo ordinato e invisibile i cavi della TV, senza nessun vincolo di posizione. Come per Cornice, anche in Boiserie è possibile applicare un pannello luminoso rifinito a 45°, che proietta una morbida luce sulla parete, la anima e ne esalta la finitura. L'aggiunta di contenitori Pensili o Librerie consente di creare composizioni dalla forte personalità, con una funzione solo estetica, o per contenimento.

Caccaro Wallover Boiserie

La TV sospesa e la Base Multimedia

Oltre alle soluzioni sospese, Wallover offre anche diverse possibilità di basi per la TV a terra. Uno dei moduli, che si chiama proprio Base, può essere dotato di un supporto TV con una colonna passacavi, che consente di sospendere uno schermo da 55 o 65 pollici. Anche in questa configurazione i cavi corrono nella colonna, e possono essere collegati ai supporti tecnologici nel vano multimedia. Il vano multimedia si apre con un meccanismo anta ribalta push pull di ultima generazione, è rivestito internamente con tessuto acustico, ed è dotato di un frontale in alluminio traforato che consente il passaggio del suono e dei segnali infrarossi. Base Multimedia è totalmente integrabile con gli altri moduli del sistema Wallover, per svariate composizioni.

Caccaro Wallover Base Multimedia

Tra le tante soluzioni previste da Wallover per la gestione della TV, è possibile scegliere anche la sospensione a parete. In questa configurazione, lo schermo diventa parte integrante della composizione. La distanza tra gli elementi di Wallover, l’altezza di installazione, il vuoto intorno al rettangolo nero diventano variabili a disposizione del progettista per dipingere la parete come un quadro.

Per tutte le configurazioni di Wallover, visitate il sito Caccaro.com

Caccaro Wallover Parete TV

Fuorisalone: Tortona e dintorni, 2022

Design a tutto tondo per la settima edizione di Tortona Rocks, il Fuorisalone in zona Tortona

Al Fuorisalone 2022, Tortona Rocks porta in scena il design  innovativo, con oltre 20 mostre internazionali in mostra. Dall'installazione monumentale di IQOS all'innovazione del German Design Council, dal Centre for Creativity Slovenia (czk), al lighting design d'autore di Stilnovo, e molto altro.

fuorisalone-tortona.jpg
Installazione di Stilnovo in zona Tortona

Highlight dell’edizione 2022 è l’installazione di IQOS, un intervento site specific temporaneo su grande scala, che prosegue il percorso evolutivo tra arte e tecnologia. IQOS illustra dal vero le potenzialità della vernice Airlite, che permette di ridurre gli inquinanti nell’aria, con un’installazione a cura di Truly Design Crew. L'opera è formata da diverse superfici, che creano una grande immagine, per rappresentare una community di persone,  ciascuna con la sua unicità e con la sua storia da raccontare.

Scopri e acquista il libro sulla Storia del Fuorisalone

fuorisalone-tortona.jpg
L'installazione IQOS

Il Fuorisalone e Tortona: una storia che continua

Il palinsesto di eventi e progetti di Tortona Rocks si snoda nel distretto Tortona tra Opificio 31, via Tortona, via Privata Gaspare Bugatti, via Savona e via Bergognone. In Opificio 31 sarà un susseguirsi di progetti; qui, German Design Council presenta i progetti vincitori del concorso internazionale ein&zwanzig, tra tecniche di processo alternative e nuovi materiali sostenibili. Il Centro per la Creatività (CzK) sloveno porterà in mostra una collettiva di designer che offrono una diversa prospettiva sulla produzione. I prodotti iconici di Stilnovo saranno invece i protagonisti del concept Stilnovo Original Lounge,  mentre l’abitare del domani sarà ancora di casa da Archiproducts Milano con Future Habit(at).

Higlights al Fuorisalone 2022

fuorisalone-tortona.jpg
German Design Council, progetto Softer Wood

Connective Nature by Finsa offrirà una riflessione sul rapporto delle persone con la natura e il ruolo dei public space come connettori sociali; Vento di Consorzio San Daniele, invece, coinvolgerà i visitatori in un percorso esperienziale che esalta il ruolo degli elementi naturali e primordiali del territorio dove nasce un prodotto d’eccellenza quale Prosciutto San Daniele.

fuorisalone-tortona.jpg
Un'installazione Finsa

Preciosa Lighting porterà ritmo alla Milano Design Week, grazie all’installazione Composition in Crystal; Peter Ott, invece, mostrerà come la fotografia professionale si può trasformare in un nuovo stile grafico, un punto di equilibrio tra arte e interior design.

Scopri il Superdesign Show 2022 al Superstudio e Superstudio Più 

Il riciclo e i nuovi stili di vita

All'Opificio 31 sarà proposta l'iniziativa Waste/Less, proposta da Milano Space Makers, che ogni anno organizza Tortona Rocks. L’iniziativa, realizzata in collaborazione con AMSA, mostra le potenzialità di un virtuoso processo di trasformazione dei materiali di scarto.

In via Savona 35 sarà protagonista THE PLAYFUL LIVING che, in collaborazione con Sfera MediaGroup, presenta A Casa Ovunque, un evento che invita a riflettere su come cambia il nostro stile di vita, e ci come le abitazioni si adeguino.

 

Tema di Tortona Design Week, che torna anche quest'anno dal 6 al 12 giugno, è Fluidity and Design. Il design diventa un importante fattore di trasformazione culturale, sensibile ai cambiamenti sociali. Tra i partecipanti alla Tortona Design Week, troviamo Timberland, IKEA, Lexus, Saviola, Apima, Delta Light, Candy, Hoover, Haier, gloTM, Decor Lab, Capital Collection, Lechler - ColorDesign, Mia Forniture, Zip Zone, Materioteca, Officina 14.
Tra i progetti di Tortona Design Week 2022, nella rotonda di via Bergognone, Urbo.Style, che realizza l’arredo urbano progettato dagli studenti di Domus Academy per le Olimpiadi Milano Cortina 2026. The Roundabout - Design with Nature è il nome del progetto; gli arredi, realizzati da Urbo.Style sono in tubolare metallico, in oro e argento e bronzo, come il medagliere.

Higlights al Fuorisalone 2022

The Roundabout - Design With Nature

Fuorisalone 2022: il Distretto delle 5VIE

Al Fuorisalone 2022, la nona edizione di 5VIE Design Week, tra passato e futuro

5VIE Design Week arriva alla sua nona edizione, all’insegna di una filosofia interessante: Prototyping Utopias. L’utopia è un futuro più sostenibile, una città in divenire, progettata attraverso il design. Le 5VIE sono il laboratorio ideale per questo progetto; partendo dal palazzo del SIAM, istituzione storica dedicata alle arti ed ai mestieri, si amplia alla dimensione collettiva del quartiere, che diventa così un laboratorio interdisciplinare per realizzare ibridazioni tra gli ambiti del design, dell’arte, della moda e dell’artigianato. Il tema sarà declinato lungo direttrici diverse ma interconnesse: le mostre ospiti e le produzioni 5VIE; i progetti partner; il territorio e i suoi attori; infine, la dedica a un designer o architetto storicizzato. La scelta quest’anno è caduta sul collettivo radicale Archizoom Associati.

Scopri e acquista il libro sulla Storia del Fuorisalone

fuorisalone 5vie 2022
Archizoom e Superonda, foto courtesy Centro Studi Poltronova

Naturale conseguenza è stata il coinvolgimento di Poltronova, azienda che ha saputo dare corpo alle visioni di Archizoom, tra gli anni ’60 e ’70, grazie al coraggio imprenditoriale di Sergio Cammilli e all’illuminata direzione artistica di Ettore Sottsass. Nel quartier generale di 5VIE, in via Cesare Correnti 14, il Centro Studi Poltronova presenta quindi un focus sul lavoro di Archizoom. Oltre alle monografie su Archizoom, sarà possibile vedere storica seduta Superonda, nella nuova veste Farfalla per interni ed esterni.

Higlights al Fuorisalone 2022

fuorisalone 5vie 2022
Superonda con il rivestimento Farfalla

Design e artigianato tra Italia e Olanda

Tra le varie mostre e installazioni  nel quartiere delle 5VIE al Fuorisalone 2022, possiamo citare Doppia Firma, a cura di Michelangelo Foundation. A Palazzo Litta, il progetto della Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte mette in mostra una collezione unica, frutto dello scambio creativo tra un designer/artista e un artigiano, o manifattura d’eccellenza.

Anche quest’anno, torna Masterly – The Dutch in Milano, l’evento dedicato al design, all’alto artigianato e all’arte olandesi, giunto alla sesta edizione. Nicole Uniquole, ideatrice e curatrice della manifestazione, torna a Milano per presentare la selezione di designer, architetti, artisti, artigiani, scuole ed aziende.

fuorisalone 5vie 2022
Masterly, the Dutch in Milano

Stone Italiana presenta il nuovo materiale Cosmolite, in uno showroom temporaneo in via degli Arcimboldi 5. Cosmolite, le nuove superfici di Stone Italiana, sono formate da un impasto realizzato al 100% con inerti da riciclo pre-consumo, facile da lavorare, resistente e bello da vedere. Inoltre, Cosmolite si inserisce in un nuovo processo produttivo, ed è senza quarzo, dunque più sostenibile.

Cosmolite, di Stone Italiana

Ancora nelle 5VIE, Le FRENCH DESIGN, la piattaforma che promuove l'innovazione nell'arredamento e nell'interior design, presenta all’Institut français di Milano la mostra Voyage en Intérieur, Le French Art de Vivre. La mostra Voyage en Intérieur, Le French Art de Vivre, espone a Milano una selezione delle più interessanti creazioni di design autoprodotte dagli interior designer vincitori della seconda edizione del premio Le FRENCH DESIGN 100.  Mobili e oggetti che testimoniano la creatività e la ricchezza del design francese, la sostenibilità, le numerose competenze artigianali e industriali coinvolte, affiancate da proposte personalizzate o uniche per i settori hospitality, retail e residenziali.

Higlights al Fuorisalone 2022

Le FRENCH DESIGN, Le Berre Vevaud, foto Romain Ricard

Per scoprire tutti gli eventi del distretto 5VIE, visitare il sito 5VIE.it


Superfici Vetrite: nessun limite all’immaginazione

Le superfici Vetrite di SICIS, la soluzione perfetta per interni ed esterni

Il vetro è un materiale usato per l’architettura fin dai tempi degli antichi Romani, per le sue caratteristiche di versatilità e bellezza. L’interior design e l’architettura, negli ultimi decenni, hanno riscoperto l’uso di questo materiale, che è sempre più popolare; anche l’innovazione di Sicis, Vetrite, ha contribuito all’espansione di questo materiale, bello e riciclabile al 100%. Vetrite di Sicis è una collezione di lastre di vetro laminato di grandi dimensioni, disponibili in più di 200 colori, adatte all’utilizzo sia per rivestimenti interni, che esterni. 

superfici-vetrite.jpg

Grazie alle sue caratteristiche, Vetrite può essere realizzata in vari spessori, dai 6 mm in su, per rivestimenti a parete o a pavimento; le lastre opalescenti, retroilluminate, permettono di avere particolari effetti grafici. Vetrite si può usare anche per rivestire mobili, per esempio tavolini, credenze, librerie, o cabine armadio; il trattamento di tempra, su richiesta, rende la superficie adatta anche all’utilizzo in cucina, sia per i piani di lavoro che per i piani cottura a induzione.

Importanti passi avanti sono stati fatti anche nel campo della tecnologia. Vetrite, infatti, può essere fornita in abbinamento a un sistema integrato di interruttori touch, che permettono il controllo del sistema di illuminazione e/o home automation.

Scopri il bancone per lounge bar in Vetrite Sicis

superfici-vetrite.jpg

Spessori maggiori e appositi trattamenti di tempra ne permettono anche l’utilizzo strutturale, sia in interno che in esterno; con Vetrite, è possibile creare pareti scenografiche, parapetti, sistemi frangisole o facciate esterne, solo per fare alcuni esempi.


Le superfici Vetrite possono così diventare così un elemento chiave nel progetto di un ambiente o di un edificio, sia per le funzioni strutturali, che di rivestimento decorativo per pareti o pavimenti. 

superfici-vetrite.jpg


Fuorisalone 2022: Isola Design Festival

A Isola Design District, ritorna nel 2022 Isola Design Festival

Dal 7 al 12 giugno 2022, torna la sesta edizione di Isola Design Festival, nell’ambito del Fuorisalone. Il tema dell’edizione 2022 è “Together As One”, un tema che stimola la condivisione di designer e progetti, idee e conoscenze, tra espositori e visitatori. Oggi, infatti, designer, produttori, architetti, consumatori e tutti gli stakeholder del settore devono lavorare insieme, per progettare un nuovo futuro, più sostenibile e innovativo. Isola Design District accoglierà dunque più di 250 tra designer e studi di design internazionali, che si sommano alle gallerie e agli artigiani locali. In totale, saranno circa 40 i punti di interesse, in uno dei quartieri più vivi di Milano.

Isola Design Festival: Stecca3

No Space for Waste è il tema di tutte le iniziative che si tengono presso la Stecca3, uno degli hub principali del distretto. No Space for Waste è anche il nome della mostra principale, con un focus su prodotti di design e arredi che riducono al minimo il proprio impatto ambientale o che sono creati utilizzando scarti industriali. Sponsor della mostra è Heura, il produttore di carne vegetale in grande crescita. La mostra, che si tiene al primo piano della location che affaccia sulla Biblioteca degli Alberi, vede la partecipazione di Riccardo Cenedella, Karma Design, Macarena Torres Puga Studio, Muhammad Shareef, Yaroslava Galayko, Better Weather, The Minimono Project, Lyla Design, Nicole Chrysikou, Amalia Puga, Boutures, Duplex Studio, Austeja Platukyte, Anga Paris, Tobia Zambotti, Senzaquadro, Zavier Wong Zhen Zui, Irene Roca Moracia, Camille Calvo.

Scopri e acquista il libro sulla Storia del Fuorisalone 

isola design fuorisalone 2022
The Minimono Project, alla mostra No Space for West

Al piano terra della location, DesignWanted, _sucks e Caracol presentano Robot Shit Exhibit, la prima esposizione che valorizza gli scarti della stampa 3D. All’aperto, nell’area a ridosso della Biblioteca degli Alberi, sarà presente un’area lounge a cura di Supernovas, un brand che trasforma materiali di scarto in prodotti di design. Nella piazzetta che affaccia su via De Castillia, invece, i visitatori troveranno le sedie a dondolo Smile, disegnate da Pietro Bonu e prodotte da Caracol per Vivident.

Higlights al Fuorisalone 2022

isola design fuorisalone 2022
Mostra Robot Shit Exhibit

Vita Lenta

Vita Lenta è un progetto commissionato a Finemateria da Isola Design Group, in collaborazione con Regione Lombardia. Si tratta di un’installazione sensoriale ispirata dalla casa giapponese, che ospita 16 designer internazionali. I progetti sono legati da un processo creativo lento; perdere la cognizione del tempo è il tema centrale dell’installazione: dalla selezione dei progetti esposti fino al modo in cui registriamo le informazioni. I designer e gli studi che vi partecipano sono: Cara Davide, Lorenzo Mason, Ryota Akiyama, Sohma Furutate, Yosuke Matsushita, Kodai Iwamoto, Johanna Seelemann, Multistandard, Collin Velkoff, Juliette Berthnonneau, Tamako Yamada, Héloïse Piraud, Hannah Segerkrantz, Plasticiet.

isola design fuorisalone 2022
Dettaglio di Yosuke Matsushita, progetto Vita Lenta by Finemateria

Isola Design Gallery

Quest’anno Isola Design Gallery si terrà in via Pastrengo 14, in un loft moderno ed eclettico ricavato da un ex-opificio di 400 mq, nel cuore dell’Isola Design District. La mostra celebra il design contemporaneo, con pezzi unici e artigianali, creati da designer e studi indipendenti dell’Isola Design Community.

Higlights al Fuorisalone 2022

isola design fuorisalone 2022
Kaoi, Isola Design Gallery

Rising Talents, invece, è una mostra che si tiene in un loft industriale in via Farini 35, dedicata a studenti, neolaureati e designer emergenti provenienti dalle migliori scuole internazionali, che stanno per entrare nel mondo del design da professionisti.

Scopri Isola Design Festival 2021

Kimberly Leijen, dalla Dutch Graduation Week, a Rising Talents

Brand internazionali all’Isola Design Festival 2022

Tra gli studi e i brand provenienti dall’estero, possiamo citare il pluripremiato studio creativo Masquespacio. Lo studio presenta Mas Creations Collections, in via Confalonieri 11, un’installazione immersiva che vuole avviare il dibattito sui confini tra arte e design. Il duo valenciano esplora il contrasto tra colori, materiali e forme, invitando gli spettatori a riflettere su come i materiali di uso comune possano essere reinterpretati per assumere un nuovo significato.

Scopri La Sastrerìa di Valencia, un progetto dello studio Masquespacio 

Mas Creations Collection, da Masquespacio

Lo studio di architettura UNSTUDIO, di base ad Amsterdam ma con sedi in tutto il mondo, presenterà, in via Cola Montano 13, Future Perfect. Il progetto, sviluppato in collaborazione con Kvadrat, Object Carpet, Foundation Fashion Research Italy, Cesare Roversi e YAC Academy, propone prodotti obsoleti ma dona loro un nuovo significato, estetico ed etico allo stesso tempo.

Per l’elenco completo delle attività di Isola Design Festival e Isola Design District, visita il loro sito, Isola.design

Progetto Future Perfect, di UNSTUDIO