DHD 66

Come costruire un altro mondo?

Il nostro mondo, del quale siamo complici disattenti, ci ha reso sudditi fanatici di una grandissima e insopportabile confusione comportamentale. La necessità di rifondare tutto il sistema di vita, di rapporti interpersonali, di lavoro, di studio e di tutta la sfera sociale, è un desiderio pressante. Forse, questo momento di grande squilibrio mondiale, dove neanche le guerre contano quanto la pandemia, potrà fare quello che i governanti non sono in grado di realizzare e solamente una cultura mondiale rinnovata potrà fondare: un mondo nuovo che ci liberi da tutte le banalità e le miserie della nostra quotidianità, che sappia recuperare dal passato le grandi opere d’arte e di scienza e prepari un futuro vivibile con serenità e passione. Non tutto è da rifare, moltissimo è da eliminare, soprattutto l’ignoranza. In questo sogno, che non sappiamo come si concretizzerà, è rassicurante pensare che il sistema dell’accoglienza evolve completando i propri servizi con l’offerta di cultura, benessere e natura: sono sempre di più gli hotel e le spa che completano in questo modo le loro attività.