DHD 70

Un 2022 all’insegna del recupero urbano, della sostenibilità e di una progettazione intrisa di profonde contaminazioni culturali e sociali. Tredici hotel differenti per provenienza geografica, committenza, tradizione: dal rigore formale della Cina all’uso di materiali autoctoni per un ostello in India, dai paesaggi mistici del Messico al tocco cromatico stravagante della Russia. E poi, l’Italia, il Bel Paese che sempre riesce a mantenere un livello di ospitalità che coniuga capacità progettuali, stilistiche ed estetiche al passo con le esigenze dell’ospite. Ogni realizzazione non solo rappresenta il gusto made in Italy riconosciuto in tutto il mondo, ma definisce un perfetto equilibrio tra gli interior e gli esterni. Una sorta di comunione all’insegna di un’esplicita armonia tra il
dentro e il fuori per un’esperienza personale totale. Da sfogliare anche le pagine dedicate ai materiali, ai prodotti e al contract, per nuove interessanti idee.
Buona lettura.